“Fondo contenzioso” e classificazione delle passività potenziali

“Fondo contenzioso” e classificazione delle passività potenziali

Nella Delibera n. 112 del 26 ottobre 2020 della Corte dei conti Lazio, la Sezione chiarisce che la valutazione della “passività potenziale” deve essere sostenuta dalle conoscenze delle specifiche situazioni, dall’esperienza del passato e da ogni altro elemento utile e deve essere effettuata nel rispetto dei postulati del bilancio ed in modo particolare quelli di imparzialità e verificabilità. In proposito, la Sezione pone in evidenza la Delibera n. 125/2019 della Corte dei conti Campania e la Delibera n. 80/2020 della Corte dei conti Lazio, le quali hanno fatto riferimento, ai fini della classificazione delle “passività potenziali” tra passività “probabili”, “possibili” e da “evento remoto”, ai seguenti Principi:

– la passività “probabile”, con indice di rischio del 51%, (che impone un ammontare di accantonamento che sia pari almeno a tale percentuale), è quella in cui rientrano i casi di provvedimenti giurisdizionali non esecutivi, nonché i giudizi non ancora esitati in decisione, per i quali l’Avvocato abbia espresso un giudizio di soccombenza di grande rilevanza;

– la passività “possibile” che, in base al documento Oic n. 31, nonché dello Ias 37, è quella in relazione alla quale il fatto che l’evento si verifichi è inferiore al probabile e, quindi, il range di accantonamento oscilla tra un massimo del 49% e un minimo determinato in relazione alla soglia del successivo criterio di classificazione;

– la passività da “evento remoto”, la cui probabilità è stimata inferiore al 10%, con accantonamento previsto pari a zero.


Related Articles

“730 precompilato”: definite modalità e termini di comunicazione delle spese universitarie, funebri e rimborsi spese sanitarie

Con 4 Provvedimenti del Direttore dell’Agenzia delle Entrate datati 19 febbraio 2016, Prot. n. 27065, Prot. n. 27002, Prot. n.

“Servizi Demografici”: il “permesso di soggiorno” per richiesta di protezione internazionale non consente l’iscrizione anagrafica

Con la Circolare n. 15 del 18 ottobre 2018, il Ministero dell’Interno-Direzione centrale per i Servizi Demografici ha fornito chiarimento

Agevolazioni “prima casa”

Nell’Ordinanza n. 14596 del 29 maggio 2019 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità chiariscono che, in tema di

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.