Fondo economale: la Corte censura l’utilizzo finalizzato ad aggirare le disposizioni di contabilità in tema di assunzione di impegno di spesa

Fondo economale: la Corte censura l’utilizzo finalizzato ad aggirare le disposizioni di contabilità in tema di assunzione di impegno di spesa

Nella Sentenza n. 109 del 17 marzo 2021 della Corte dei conti Calabria, la Sezione rileva che la gestione economale costituisce una gestione di mera cassa in regime di anticipazione, per cui l’Economo, quale agente contabile, è personalmente responsabile delle somme ricevute a tale titolo e deve dimostrare attraverso il conto giudiziale la regolarità dei pagamenti eseguiti in stretta correlazione con le finalità per le quali sono state disposte le anticipazioni stesse. In disparte ogni valutazione in ordine all’utilità diretta delle spese effettuate per l’Ente, va affermata l’irregolarità di spese economali allorquando esse non siano previste nel regolamento di contabilità e/o economale e non siano riconducibili a finalità istituzionali dell’Ente.

Inoltre, il controllo e la verifica della regolarità delle spese costituisce un obbligo del responsabile del servizio finanziario ed è propedeutico al discarico delle somme pagate. Vi può essere responsabilità concorrente dell’Economo che ha effettuato spese non previste o superiori al limite massimo stabilito nel regolamento e del responsabile del Servizio “Finanziario” (ma a titolo di responsabilità amministrativa, ove azionata secondo legge) che non le abbia segnalate a seguito dell’esame in sede di rendicontazione e di parificazione.

Il Fondo economale non può essere utilizzato per aggirare le disposizioni di contabilità in tema di assunzione di impegno di spesa, neppure ricorrendo all’artificiosa parcellizzazione delle spese. Tale Fondo deve essere determinato annualmente in sede di approvazione del documento generale di bilancio dell’Ente, quale espressione dell’indirizzo politico-amministrativo dell’Ente. 


Related Articles

“Fondo di solidarietà 2017”: pubblicate le rettifiche degli importi alla luce delle verifiche dei gettiti Imu e Tasi

E’ stato pubblicato sul sito istituzionale del Viminale-Direzione centrale della Finanza locale, il Comunicato 3 luglio 2018 relativo all’ulteriore parziale

Cig: le nuove regole non si applicano a quelli di importo inferiore a 40.000 Euro acquisiti prima del 30 aprile 2011

Per i Cig acquisiti entro il 30 aprile 2011, di importo inferiore a Euro 40.000, non si applicano le disposizioni

Bilancio e ordinamento contabile: il Patto di stabilità interno 2015 dopo le modifiche introdotte dal “Decreto Enti Locali”

Il calcolo degli obiettivi Il Dl. n. 78/15, convertito nella Legge n. 125/15, ha introdotto importanti novità alle modalità di

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.