Funzionario responsabile non Dirigente

Funzionario responsabile non Dirigente

Ordinanza n. 1637 del 26 gennaio 2021 della Corte di Cassazione

Secondo la ricorrente è sbagliato dichiarare la nullità di un avviso di accertamento per essere stato sottoscritto da funzionario privo di qualifica dirigenziale e carente di delega, senza considerare che gli avvisi di accertamento relativi ai tributi degli Enti Locali possono essere sottoscritti dai funzionari preposti al tributo, anche se non rivestono la qualifica dirigenziale. L’avviso di accertamento in questione emesso da una Unione Comuni è stato sottoscritto dal funzionario responsabile. La Suprema Corte rileva che l’art. 74, comma 1, del Dlgs. n. 507/1993, stabilisce che “il Comune designa un funzionario cui sono attribuiti la funzione e i poteri per l’esercizio di ogni attività organizzativa e gestionale per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani interni; il predetto funzionario sottoscrive le richieste, gli avvisi, i provvedimenti relativi e dispone i rimborsi”. Tale disposizione è norma tributaria speciale rispetto agli artt. 107, comma 2, e 109 del Dlgs. n. 267/2000 (Tuel), che richiedono la qualifica dirigenziale per tutti gli atti a rilevanza esterna, e quindi non può ritenersi abrogato da tali disposizioni, né in via espressa (in quanto non contemplato dall’art. 274 del Tuel, che ha riguardo all’elenco delle disposizioni abrogate), né per incompatibilità (essendo esso inserito nello specifico settore tributario e pertanto non inciso dalla norma posteriore, di carattere generale).


Related Articles

Cartella di pagamento: se l’avviso è definitivo la cartella è valida

Nella Sentenza n. 18448 del 18 settembre 2015 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità affermano che deve essere

Imposta di sbarco: Palazzo Spada rimette alla Corte costituzionale la questione di legittimità sull’applicazione limitata a specifici vettori

Con l’Ordinanza n. 4336 del 16 settembre 2015, il Consiglio di Stato rimette alla Consulta la questione di legittimità costituzionale

Cosap: presunzione di continuità nell’occupazione abusiva

Nell’Ordinanza n. 13574 del 30 maggio 2018 della Corte di Cassazione, il titolare di una concessione per occupazione di suolo

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.