Gara pubblica: non slitta al giorno feriale successivo la scadenza festiva per presentare l’offerta

Gara pubblica: non slitta al giorno feriale successivo la scadenza festiva per presentare l’offerta

Nella Sentenza n. 170 del 17 gennaio 2017 del Consiglio di Stato, i Giudici chiariscono che è legittima l’esclusione, da parte della stazione appaltante, di un’offerta pervenuta con un giorno di ritardo rispetto alla scadenza, risultando ininfluente il fatto che il termine ultimo per l’invio scadesse di domenica.

Non è quindi applicabile alla domanda di partecipazione ad una gara pubblica il principio generale di slittamento al primo giorno feriale successivo del termine scadente in un giorno festivo.

In questo caso, i Giudici si esprimono dunque in modo contrario rispetto a quanto precedentemente fatto, dallo stesso Consiglio di Stato, con la Sentenza n. 1214/03, che aveva invece stabilito che alle scadenze dei termini di presentazione di domande di gara si applichino i principi generali (propri anche del Processo civile) sullo slittamento al primo giorno feriale successivo del termine cadente in giorno festivo.


Related Articles

“Covid-19”: modifiche alla sperimentazione di “Corridoi turistici ‘Covid-free’”

Sulla G.U. n. 22 del 28 gennaio 2022 è stata pubblicata l’Ordinanza del Ministero della Salute relativa a nuove misure

Milleproroghe 2023, novità per ricetta elettronica: cosa cambia

(Adnkronos) – Con il decreto Milleproroghe, l’uso della ricetta elettronica viene prorogato fino al 31 dicembre 2024. Introdotto dal governo

“Irpef”: imponibile il rimborso spese di accesso corrisposto ai Medici specialistici ambulatoriali

Con la Risoluzione n. 106/E del 21 dicembre 2015, l’Agenzia delle Entrate ha risposto a una richiesta di chiarimento di