Gestione della riscossione coattiva dei tributi: condanna di Equitalia

Gestione della riscossione coattiva dei tributi: condanna di Equitalia

Nella Sentenza n. 255 del 6 maggio 2015 della Corte dei conti Lazio, un Comune aveva affidato ad Equitalia la gestione del “Servizio di riscossione coattiva dei tributi comunali, delle multe e delle tariffe” per il “Servizio idrico”. La Sezione afferma che il soggetto che si occupa della gestione del “Servizio di riscossione”, con la qualifica di Agente contabile, deve dare legale discarico delle somme che non può versare nella casse dell’Ente, con la produzione di documenti contenenti le cause che hanno impedito la materiale riscossione di quanto dovuto, in caso contrario si configura un inadempimento contrattuale da parte del concessionario. Pertanto, nel caso di specie la Sezione condanna Equitalia al pagamento di una determinata somma, per mancata rendicontazione al Comune in questione.

Sentenza n. 255 del 6 maggio 2015 – Corte dei conti Lazio


Related Articles

Addizionale Irpef: chiarimenti del Mef all’incremento nelle Regioni sottoposte a Piano di rientro dai deficit sanitari

  Il Mef-Dipartimento delle Finanze, con la Risoluzione 15 giugno 2015, n. 5/DF, pubblicata sul proprio sito web istituzionale, avente

Imu: faq ministeriali sulla corretta applicazione dell’Imposta ai terreni agricoli montani

Il Mef-Dipartimento delle Finanze, con la Nota 28 maggio 2015, pubblicata sul proprio sito web istituzionale, ha diffuso alcune faq

Pignoramento: è nullo in caso di mancato assolvimento dell’onere della prova

Nella Sentenza n. 776/02/14 del 17 aprile 2014, della Ctr Bologna, Equitalia non ha fornito la prova della notifica al