Ici: no alla prescrizione breve, si applica il termine ordinario

Ici: no alla prescrizione breve, si applica il termine ordinario

Nella Sentenza n. 111 del 27 marzo 2015 della Ctp Arezzo, i Giudici affermano che, per la mancanza di una causa debendi continuativa, deve escludersi l’applicabilità della prescrizione breve al credito per la riscossione dell’Ici, pure da pagarsi con cadenza annuale, sul rilievo che la prestazione tributaria, per la sua natura di Imposta patrimoniale, stante l’autonomia dei singoli periodi di imposta e delle relative obbligazioni, non può considerarsi una prestazione periodica, non essendo legata ad alcuna prestazione erogata dall’Ente impositore e derivando il credito, anno per anno, da una nuova ed autonoma valutazione riguardo alla sussistenza dei presupposti impositivi. Pertanto, dovrà essere applicata la prescrizione ordinaria di cui all’art. 2946 del Codice civile.

Ctp Arezzo-Sentenza n. 111 del 27 marzo 2015


Related Articles

“Spending Review”: il punto della Corte sui limiti di spesa di personale

Nella Delibera della Corte dei conti Lombardia n. 157 del 15 aprile 2014, pubblicata il 5 novembre scorso sul sito

Tasi: prorogata a settembre la scadenza della prima rata per i Comuni che non hanno deliberato in tempo le aliquote

Con il Comunicato-stampa n. 128 del 19 maggio 2014, pubblicato sul proprio sito web istituzionale, il Ministero dell’Economia e delle

Criterio invarianza di spesa: non comporta in sé la preclusione di un eventuale aggravio di spesa, purché questo sia “neutralizzato”

  Nella Delibera n. 127 del 14 settembre 2017 della Corte dei conti Abruzzo, viene chiesto un parere sulla corretta