Ici: stabilimenti industriali

 

Nella Sentenza n. 16741 del 12 agosto 2015 della Corte di Cassazione, in tema di Ici, il metodo di determinazione della base imponibile collegato alle iscrizioni contabili, previsto dall’art. 5 comma 3, del Dlgs. n. 504/92, per i fabbricati classificabili nel Gruppo catastale D, non iscritti in Catasto, interamente posseduti da Imprese e distintamente contabilizzati, fino all’anno nel quale i medesimi sono iscritti in Catasto con attribuzione di rendita, vale sino a che la richiesta di attribuzione della rendita non viene formulata mentre, dal momento in cui fa la richiesta, il proprietario, pur applicando ormai in via precaria il metodo contabile, diventa titolare di una situazione giuridica nuova derivante dall’adesione al sistema generale della rendita catastale, sicché può essere tenuto a pagare una somma maggiore, o avere diritto di pagare una somma minore, potendo quindi chiedere il relativo rimborso nei termini di legge.

Sentenza n. 16741 del 12 agosto 2015 della Corte di Cassazione


Related Articles

Cartella di pagamento: non è invalida se il contribuente dimostra di conoscerne il contenuto

Nell’Ordinanza n. 20991 dell’8 settembre 2017 della Corte di Cassazione, viene accolto il ricorso proposto dall’Agenzia delle Entrate verso la

Classamento: attribuzione della rendita catastale a seguito di procedura “Docfa”

Nell’Ordinanza n. 7854 del 16 aprile 2020 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità chiariscono che, in tema di

Atto impositivo e sua notifica: se intestati ad un soggetto inesistente, sono affetti da nullità assoluta e insanabile

Nell’Ordinanza n. 17694 del della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità si esprimono in merito alla notifica di un