Imposta di bollo: istituito il codice-tributo relativo a quella dovuta per libri, registri ed altri documenti rilevanti ai fini tributari

Imposta di bollo: istituito il codice-tributo relativo a quella dovuta per libri, registri ed altri documenti rilevanti ai fini tributari

L’Agenzia delle Entrate – Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti, con la Risoluzione n. 106/E del 2 dicembre 2014 ha istituito il codice-tributo per il versamento, mediante Modello “F24”, dell’Imposta di bollo su libri, registri ed altri documenti rilevanti ai fini tributari.

L’art. 6 del Decreto del Ministro dell’Economia e delle Finanze 17 giugno 2014, nel disciplinare le modalità di assolvimento dell’Imposta di bollo su libri, registri ed altri documenti rilevanti ai fini tributari, stabilisce, al comma 1, che l’Imposta di bollo in argomento “è corrisposta mediante versamento nei modi di cui all’art. 17 del Dlgs. n. 241/97, con modalità esclusivamente telematica.” Il successivo comma 2 dispone, tra l’altro, che “Il pagamento dell’imposta relativa alle fatture, agli atti, ai documenti ed ai registri emessi o utilizzati durante l’anno avviene in un’unica soluzione entro 120 giorni dalla chiusura dell’esercizio”.

Viene istituito dunque, il seguente codice-tributo per consentire il versamento, mediante il Modello “F24”, dell’Imposta di bollo in parola: “2501”, denominato “Imposta di bollo su libri, registri ed altri documenti rilevanti ai fini tributari – art. 6 del Dm. 17 giugno 2014”.

In sede di compilazione del modello di versamento “F24”, il suddetto codice tributo è esposto nella sezione “Erario” in corrispondenza delle somme indicate nella colonna “importi a debito versati”, con l’indicazione nel campo “anno di riferimento”, dell’anno d’imposta per cui si effettua il versamento, nel formato “AAAA”.


Tags assigned to this article:
bollolibri

Related Articles

Tarsu: grava sul contribuente l’onere di provare la sussistenza delle condizioni per beneficiare dell’esenzione

Nell’Ordinanza n. 14040 del 23 maggio 2019 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità chiariscono che in materia di

Istanze di rimborso di acconti su Imposte: i 48 mesi decorrono dalle date dei versamenti se in quel momento non erano dovuti

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta n. 1 ad un’istanza di Consulenza giuridica, diffusa il 4 ottobre 2018, ha chiarito

“Certificazione unica 2015”: chiarimenti sulla comunicazione del Modello “730-4” (Quadro “CT”)

L’Agenzia delle Entrate, con la Risoluzione n. 33/E del 25 marzo 2015, ha fornito chiarimenti sui termini e le modalità