Imposta di bollo: istituito il codice-tributo relativo a quella dovuta per libri, registri ed altri documenti rilevanti ai fini tributari

Imposta di bollo: istituito il codice-tributo relativo a quella dovuta per libri, registri ed altri documenti rilevanti ai fini tributari

L’Agenzia delle Entrate – Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti, con la Risoluzione n. 106/E del 2 dicembre 2014 ha istituito il codice-tributo per il versamento, mediante Modello “F24”, dell’Imposta di bollo su libri, registri ed altri documenti rilevanti ai fini tributari.

L’art. 6 del Decreto del Ministro dell’Economia e delle Finanze 17 giugno 2014, nel disciplinare le modalità di assolvimento dell’Imposta di bollo su libri, registri ed altri documenti rilevanti ai fini tributari, stabilisce, al comma 1, che l’Imposta di bollo in argomento “è corrisposta mediante versamento nei modi di cui all’art. 17 del Dlgs. n. 241/97, con modalità esclusivamente telematica.” Il successivo comma 2 dispone, tra l’altro, che “Il pagamento dell’imposta relativa alle fatture, agli atti, ai documenti ed ai registri emessi o utilizzati durante l’anno avviene in un’unica soluzione entro 120 giorni dalla chiusura dell’esercizio”.

Viene istituito dunque, il seguente codice-tributo per consentire il versamento, mediante il Modello “F24”, dell’Imposta di bollo in parola: “2501”, denominato “Imposta di bollo su libri, registri ed altri documenti rilevanti ai fini tributari – art. 6 del Dm. 17 giugno 2014”.

In sede di compilazione del modello di versamento “F24”, il suddetto codice tributo è esposto nella sezione “Erario” in corrispondenza delle somme indicate nella colonna “importi a debito versati”, con l’indicazione nel campo “anno di riferimento”, dell’anno d’imposta per cui si effettua il versamento, nel formato “AAAA”.


Tags assigned to this article:
bollolibri

Related Articles

“Codice della Strada”: il reato di guida in stato di ebbrezza può essere commesso anche in bicicletta

Il reato di guida in stato di ebbrezza ([1]), previsto dall’art. 186 del “Codice della Strada”, può essere commesso attraverso

Raggruppamento temporaneo di Imprese: i requisiti di qualificazione devono essere posseduti dall’intero Raggruppamento

Nella Sentenza n. 1040 del 17 luglio 2018 del Tar Toscana, la questione controversa in esame riguarda il riparto dei

Scorrimento della graduatoria e diritto degli idonei all’assunzione

Nella Sentenza n. 26104 del 2 novembre 2017 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità si esprimono in materia