Imposta di bollo su fatture elettroniche: nuovi chiarimenti sulle sanzioni per omesso o tardivo pagamento

Imposta di bollo su fatture elettroniche: nuovi chiarimenti sulle sanzioni per omesso o tardivo pagamento

Con la Risposta all’Istanza di Interpello n. 14 del 10 dicembre 2020, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito alle sanzioni per mancato o tardivo pagamento dell’Imposta di bollo su fatture elettroniche alla luce del “recente” art. 12-novies, comma 1, del Dl. n. 34/2019 – “Decreto Crescita”, convertito con modificazioni dalla Legge n. 58/2019.

L’art. 12-novies dispone che per le fatture elettroniche emesse a decorrere dal 1° gennaio 2021 mediante il “Sistema di interscambio” (“Sdi”), in caso di tardivo, omesso o insufficiente versamento, sarà la stessa Agenzia delle Entrate a comunicare al contribuente l’ammontare della sanzione amministrativa dovuta ridotta ad 1/3. In particolare, il soggetto istante ha chiesto se la sanzione da applicare è quella prevista dall’art. 13, comma 1, del Dlgs. n. 471/97, e se su tale sanzione è possibile ricorrere all’istituto del “ravvedimento operosoex art. 13, del Dlgs. n. 472/97.

L’Agenzia delle Entrate ha spiegato come debba essere ancora emanato il Dm. Mef contenente le disposizioni attuative dello stesso art. 12-novies, comprese quindi anche le specifiche per il recupero dell’Imposta di bollo non versata e l’irrogazione delle sanzioni. Tuttavia, ha confermato che la sanzione che andrà a comunicare, insieme all’eventuale Imposta o maggiore Imposta, ove dovuta, ed agli interessi, è quella prevista dall’art. 13 del Dlgs. n. 471/97[1] ridotta ad un 1/3, e potrà essere ravveduta ai sensi dell’art. 13, del Dlgs. n. 472/97.

La riduzione ad 1/3 è prevista se e solo se il contribuente effettua il versamento regolarizzando la violazione entro 30 gg dal ricevimento della comunicazione. Diversamente, se il contribuente non provvede al pagamento, in tutto o in parte, delle somme dovute entro il suddetto termine di 30 gg, il competente ufficio dell’Agenzia delle Entrate procede all’iscrizione a ruolo, a titolo definitivo, della sanzione in misura piena, e dell’Imposta o della maggiore Imposta, e dei relativi interessi.

L’Agenzia ha concluso ritenendo che, fermo restando le disposizioni attuative, la sanzione è ravvedibile ai sensi art. 13, del Dlgs. n. 472/97 e soprattutto che la comunicazione presentata al contribuente “inibisce il ricorso all’istituto del ‘ravvedimento’”.

Dunque, il soggetto interessato potrebbe, o decidere di ravvedersi autonomamente, applicando le consuete sanzioni ridotte, oppure attendere la comunicazione, potendo beneficiare a quel punto della riduzione ad 1/3 della sanzione.

Restiamo comunque in attesa del Dm. Mef contenente le disposizioni attuative dell’art. 12-novies e delle specifiche sul recupero dell’Imposta di bollo e sull’applicazione delle sanzioni, perché se il meccanismo della comunicazione sarà, come ci si auspica, efficiente e tempestivo (quasi automatico possiamo dire), tale tempestività non dovrà obbligare a nostro avviso il contribuente interessato a dover corrispondere a quel punto una sanzione, seppur ridotta a 1/3, presumibilmente più elevata rispetto a quella prevista in caso di “ravvedimento”.


[1] Pari al 30%, se il versamento è eseguito oltre 90 gg dalla scadenza del termine per l’adempimento; al 15%, se il versamento è eseguito entro 90 gg dalla scadenza del termine per l’adempimento, al 1% (ad un importo pari ad un quindicesimo per ciascun giorno di ritardo se il versamento è eseguito entro 15 giorni dalla scadenza del termine per l’adempimento).

di Alessio Malucchi


Related Articles

Vending machines: se non dotate di porta di comunicazione possibile trasmettere i corrispettivi mediante il portale “Fatture e Corrispettivi”

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta all’Istanza di Interpello n. 125 dell’8 maggio 2020, ha fornito chiarimenti in ordine alla

Iva: non ammessa la nota di credito a rettifica dell’aliquota ordinaria applicata su una fattura d’acconto emessa in una prima fase generica

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta all’Istanza di Interpello n. 216 del 14 luglio 2020, ha fornito chiarimenti in ordine

Per la Cassazione la “Tia 2” è soggetta ad Iva

Nell’Ordinanza n. 15706 dell’11 giugno 2019 della Corte di Cassazione, una contribuente chiedeva e otteneva dal Giudice di pace, nei

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.