Imu: aree destinate ad attività estrattiva

Imu: aree destinate ad attività estrattiva

Nella Sentenza n. 2656 del 20 maggio 2021 della Ctr Lazio, i Giudici affermano che le aree destinate ad attività estrattiva non possono essere considerate agricole e dunque, non essendo fabbricati, devono ritenersi terreni edificabili ex art. 1, comma 2 del Dlgs. n. 504/1992, sussistendo in capo ai terreni utilizzati per attività estrattiva tutti e due gli elementi che qualificano il presupposto dell’Imu, e cioè l’edificabilità di diritto, quale deriva dagli strumenti di pianificazione urbanistica e l’edificabilità di fatto riconducibile alla concreta possibilità di realizzare strutture edilizie a supporto dell’attività estrattiva. Dunque, in tema d’Imu, l’area classificata come “D3” nel Piano regolatore generale adottato dal Comune, ancorché concretamente destinata unicamente a cava e ad attività estrattiva, non è perciò solo qualificabile come agricola, in quanto avente potenzialità edificatoria, sia pure limitata alla sola realizzazione di fabbricati strumentali, con la conseguenza che è soggetta comunque all’imposta, indipendentemente dal suo concreto utilizzo, non contemplato tra i casi di esenzione, per la quale vige il criterio della tassatività. 


Related Articles

Debiti fuori bilancio: possibilità di coprirli mediante applicazione dell’avanzo di amministrazione disponibile

Nella Delibera n. 77 del 7 marzo 2016, la Corte dei conti Lombardia si è espressa in merito al quesito

Ritardi nei pagamenti delle somme iscritte a ruolo: rideterminata nel 3,50% in ragione annuale la misura degli interessi di mora

L’Agenzia delle Entrate, con il Provvedimento Prot. n. 66826/2017 del 4 aprile 2017, ha proceduto alla definizione, a decorrere dal

Dimissioni dei Consiglieri comunali

Nella Sentenza n. 6004 del 24 settembre 2021 del Tar Campania, i Giudici si soffermano sulle differenze tra la previsione di

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.