Imu: assegnati i contributi per il minor gettito relativo a terreni agricoli e fabbricati rurali ad uso strumentale

Imu: assegnati i contributi per il minor gettito relativo a terreni agricoli e fabbricati rurali ad uso strumentale

È in corso di pubblicazione in G.U. il Dm. Interno 24 ottobre 2014, emanato di concerto con il Ministero dell’economia e delle finanze, e recante il riparto di 110,7 milioni di Euro di contributi volti a ristorare il minor gettito Imu relativo ai terreni posseduti dei coltivatori diretti e dagli Iap iscritti nella previdenza agricola e ai fabbricati rurali ad uso strumentale.

All’interno dell’articolo unico del Decreto, il Ministero ha disposto che il contributo predetto è stato assegnato a causa della riduzione, da 110 a 75, del coefficiente per la determinazione della base imponibile Imu per i terreni agricoli posseduti dai coltivatori diretti e degli Iap iscritti alla previdenza agricola, nonché per l’esenzione totale da Imu dei fabbricati rurali strumentali disposta dall’art. 1, comma 707, lett. c), e commi 708 e 711, della Legge n. 147/13 (“Legge di stabilità 2014”).

L’importi riconosciuti a ciascun Comune sono indicati all’interno dell’allegato A al Decreto in oggetto e sono stati calcolati in proporzione alle stime di gettito Imu 2013 relative agli stessi immobili, così come comunicati dal Mef.


Tags assigned to this article:
ImuInternoMefterreni agricoli

Related Articles

Indennità erogate dai Comuni per la partecipazione ai Tirocini di inclusione sociale: esenzione da Irpef solo se la finalità è assistenziale

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta all’Istanza di Interpello n. 51 del 12 febbraio 2020, ha fornito chiarimenti sul trattamento

Progressioni economiche: i chiarimenti della Funzione pubblica e del Mef su “quota limitata” e selettività degli aventi diritto

La Funzione pubblica, con Nota Prot. n. 44366/2019, e la Ragioneria generale dello Stato, con Nota Prot. n. 179263/2019, in

Iva: possibile applicare il regime di esenzione previsto per le attività educative soltanto alle prestazioni ad esse “accessorie”

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta all’Istanza di Interpello n. 251 del 16 luglio 2019, ha fornito chiarimenti in ordine