Incentivi indebitamente erogati ai propri dipendenti: legittimo il recupero sui fondi salario accessorio futuri

Incentivi indebitamente erogati ai propri dipendenti: legittimo il recupero sui fondi salario accessorio futuri

Nella Sentenza n. 24834 del 9 dicembre 2015 della Corte di Cassazione, la Croce Rossa Italiana, accortasi dell’attribuzione ai propri lavoratori di somme in eccesso per compensi incentivanti per gli anni 2003, 2004 e 2005, aveva provveduto a trattenerne le corrispondenti somme sui fondi destinati al trattamento accessorio, distribuendo il recupero sul quinquennio successivo, così da non dover incidere sulle posizioni economiche individuali già acquisite. Ciò è stato contestato dai dipendenti. La Suprema Corte ribadisce il principio della ripetibilità delle somme indebite secondo l’art. 2033 del Cc. anche per il pubblico impiego, a nulla rilevando la buona fede del percettore.

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Società partecipate dalla Provincia: limiti al compenso dei Presidenti e dei componenti degli Organi di amministrazione

Nella Delibera n. 123 del 13 aprile 2015 della Corte dei conti Campania, il quesito in esame ha ad oggetto

“Welfare”: al via intesa Governo-Comuni-Terzo Settore per impegnare chi beneficia di sostegno al reddito in attività socialmente utili

Con il Comunicato-stampa 28 gennaio 2015, l’Anci ha illustrato il nuovo accordo tra Ministero del Lavoro, Comuni e “Terzo Settore”

Servizio “Raccolta rifiuti”: è illegittimo l’affidamento diretto ad una Cooperativa

Nella Sentenza n. 637 del 6 luglio 2015 del Tar Emilia Romagna, i Giudici statuiscono l’illegittimità dell’affidamento diretto del servizio