Iva: aliquota ordinaria sugli e-book, per la Corte di Giustizia Ue prevalgono le regole dell’e-commerce sull’incentivo alla lettura

Iva: aliquota ordinaria sugli e-book, per la Corte di Giustizia Ue prevalgono le regole dell’e-commerce sull’incentivo alla lettura

Corte di Giustizia Ue–Grande Sezione-Sentenza n. C-390/15 del 7 marzo 2017

 

Le pubblicazioni digitali diffuse per via elettronica, a differenza delle pubblicazioni in forma cartacea quali libri, giornali e riviste, sono escluse dall’applicazione dell’aliquota Iva ridotta. Si applica dunque l’aliquota Iva ordinaria sulla vendita degli e-book ad esclusione dei libri digitali forniti tramite supporto fisico come il cd-rom.

E’ quanto sancito dalla Corte di Giustizia Ue con la Sentenza 7 marzo 2017 – Grande Sezione – Causa C-390/15.

E’ la Corte Costituzionale polacca a porre la questione di legittimità di tale tassazione differenziata, chiedendo alla Corte europea se fosse compatibile con il principio della parità di trattamento e se il Parlamento europeo fosse stato sufficientemente coinvolto nel procedimento legislativo.

La domanda di Pronuncia pregiudiziale verte, in particolare, sulla validità dell’art. 98, paragrafo 2, e del punto 6 dell’Allegato III alla Direttiva 2006/112/Ce del Consiglio 28 novembre 2006, relativa al sistema comune dell’Imposta sul valore aggiunto (G.U. 2006, L 347, pag. 1), come modificata dalla Direttiva 2009/47/Ce del Consiglio 5 maggio 2009 (G.U. 2009, L 116, pag. 18).

L’applicazione dell’aliquota ridotta, secondo quanto previsto dal punto 6, dell’Allegato III, alla Direttiva 2006/112, è circoscritta alla “fornitura di libri su qualsiasi tipo di supporto fisico, inclusi quelli in locazione nelle biblioteche (compresi gli stampati, i fogli illustrativi ed il materiale stampato analogo, gli album, gli album da disegno o da colorare per bambini, la musica stampata o manoscritta, le mappe e le carte idrografiche o altri tipi di carte), giornali e periodici, escluso il materiale interamente o essenzialmente destinato alla pubblicità.”

I supporti fisici di cui trattasi devono riprodurre essenzialmente le stesse informazioni contenute nei libri stampati. Tuttavia, dal momento che tale testo precisa di riguardare solo i “libri”, nozione che designa, nel senso ordinario di tale termine, un’opera stampata, ne consegue che, per rientrare nell’ambito di applicazione di tale disposizione, i supporti di cui trattasi devono riprodurre essenzialmente le stesse informazioni contenute nei libri stampati.

La differenza di trattamento, sostiene la Corte, è “lecita” se “collegata a un legittimo scopo perseguito dalla misura che ha l’effetto di instaurarla e sia proporzionata a tale scopo”. L’aliquota ridotta per le pubblicazioni digitali su supporti fisici avrebbe infatti il solo scopo di “incentivare la lettura”, mentre per i libri digitali diffusi per via elettronica si rientra nel campo delle regole fiscali applicate specificamente all’e-commerce.

In conclusione, la Corte di Giustizia Ue ritiene valida e legittima la Direttiva 2006/112/Ce del Consiglio del 28 novembre 2006, e di conseguenza l’esclusione dall’aliquota ridotta per le pubblicazioni digitali per via elettronica.

di Alessio Malucchi

 


Related Articles

Liquidazione dei compensi legali in assenza di Regolamento specifico previsto dalla normativa

Nella Delibera n. 105 del 22 novembre 2016 della Corte dei conti Calabria, un Comune chiede un parere sull’interpretazione dell’art.

“Fondone 2021”: ripartito l’acconto delle risorse aggiuntive stanziate per Comuni, Province e Città metropolitane

Con il Comunicato 19 aprile 2021, il Ministero dell’Interno – Direzione centrale della Finanza locale, ha reso noto in che

“Decreto fiscale”: l’analisi, articolo per articolo, delle novità introdotte in sede di conversione

 E’ stata pubblicata sulla G.U. n. 284 del 5 dicembre 2017 la Legge 4 dicembre 2017, n. 172, di conversione