Iva farmacie: un caso di vendita di un dispositivo ad iniezione che può essere considerata “accessoria” a quella di un farmaco in cartucce

Iva farmacie: un caso di vendita di un dispositivo ad iniezione che può essere considerata “accessoria” a quella di un farmaco in cartucce

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta all’Istanza di Interpello n. 306 del 3 settembre 2020 ha fornito chiarimenti in ordine al concetto di “accessorietà”, ai sensi dell’art. 12 del Dpr. n. 633/71972, di un farmaco costituito da una cartuccia pre-riempita per l’uso esclusivo mediante un dispositivo ad iniezione elettronico riutilizzabile.

L’iniezione del farmaco può essere effettuata solo previa combinazione della cartuccia con il dispositivo. Il dispositivo può essere usato solo con le specifiche cartucce monouso progettate per essere inserite nel dispositivo medesimo. A loro volta, le cartucce monouso possono essere utilizzate solamente previo inserimento nel dispositivo.

La Società

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Tosap: il trattamento impositivo delle griglie del marciapiede comunale

Nell’Ordinanza n. 9639 del 13 aprile 2021 della Corte di Cassazione, in tema di Tassa per l’occupazione di spazi ed

Mobilità urbana: Istat, in calo la domanda di “Trasporto pubblico locale” 

Aumenta l’offerta di “Trasporto pubblico locale”ma cala la domanda. Questo in sintesi l’andamento registrato dall’Istat e illustrato in una apposita

Liti tributarie pendenti: nel I trimestre 2016 sono diminuite del 9%

Con Comunicato n. 111 del 20  giugno 2016, il Mef ha tracciato il consueto bilancio sull’andamento del contenzioso tributario. Ne

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.