Iva: i regimi applicabili alle prestazioni sanitarie in Farmacia

Iva: i regimi applicabili alle prestazioni sanitarie in Farmacia

Il presente approfondimento affronta il tema del trattamento ai fini Iva da applicare ai servizi resi al pubblico dalle Farmacie.

Più precisamente, si tratta di capire se determinate prestazioni, che possono essere fornite ai richiedenti da parte di Farmacie (nella specie, comunali ed operanti in regime di convenzione con il Servizio sanitario nazionale), possano ritenersi imponibili a fini Iva o se invece per le stesse si renda applicabile l’esenzione specificamente disposta dall’art. 10, comma 1, n. 18), Dpr. n. 633/72.

Le prestazioni oggetto della presente analisi sono quelle previste dalla normativa di Settore che, negli ultimi anni, ha ampliato il

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Trasferimenti erariali: determinati i contributi attribuiti ai Comuni per compensare mancate entrate da Imu sui terreni agricoli

Il Ministero dell’Interno – Direzione centrale della Finanza locale, ha reso noto in data 6 ottobre 2015 l’importo dei contributi

Dispensari farmaceutici: sono esclusi dall’obbligo di trasmissione telematica delle spese sanitarie?

Il quesito: “Relativamente alla trasmissione dati della spesa farmaceutica 2015 da Dispensario, considerando il fatto che non essendoci un computer

Tar: anche le Autorità portuali sono destinatarie della disciplina generale in tema di Società partecipate

Nella Sentenza n. 3972 del 10 marzo 2015 del Tar Lazio, i Giudici osservano che l’art. 1 della Legge n.