Iva: quale aliquota deve essere applicata ai lavori di realizzazione di attraversamenti pedonali?

Iva: quale aliquota deve essere applicata ai lavori di realizzazione di attraversamenti pedonali?

Il testo del quesito:

Qual è l’aliquota Iva da applicare ai lavori di realizzazione di attraversamenti pedonali rialzati sulle vie del territorio comunale?

La risposta dei ns. esperti.

In merito al quesito posto, è necessario premettere che sull’argomento non esiste ad oggi un pronunciamento specifico dell’Agenzia delle Entrate, ma è certamente utile citare la Risoluzione Entrate n. 202/E del 2008, nella quale l’Agenzia ha precisato che l’aliquota ridotta del 10% ai sensi del n. 127-quinquies della Tabella A, Parte III, allegata al Dpr. n. 633/72, si applica alle sole strade residenziali realizzate ex novo, come individuate nei Piani urbanistici dei competenti Comuni.

Con riferimento ai lavori su strade preesistenti, già in passato (vedasi Risoluzione Mef n. 332592/81) era stato chiarito che i lavori di ammodernamento, sistemazione e pavimentazione di strada non rientrano tra gli interventi che possono fruire dell’aliquota ridotta, poiché non sono riconducibili nel concetto di costruzione, ma rappresentano una semplice miglioria o modifica dell’opera.

Pertanto, l’Iva ridotta è applicabile solo alla costruzione di marciapiedi e vialetti pedonali realizzati su strade residenziali, anche già esistenti, dal momento che si tratta di opere inerenti opere di urbanizzazione primaria ovvero strade residenziali.

Atteso quanto sopra, riteniamo che il caso di specie (realizzazione di attraversamenti pedonali su strade residenziali già esistenti) possa essere assimilato alla costruzione ex novo di marciapiedi e vialetti pedonali su strade residenziali già esistenti e che pertanto si possa applicare l’aliquota Iva agevolata del 10% in base alla sopra citata norma.

di Francesco Vegni


Tags assigned to this article:
attraversamenti pedonaliIVA

Related Articles

Elezioni 2020: tra le novità introdotte in sede di conversione in Legge del Dl. n. 26/2020, il ritorno alle urne anche il lunedì

E’ stata pubblicata sulla G.U. n. 154 del 19 giugno 2020 la Legge 19 giugno 2020, n. 59, di conversione

Mutui Enti Locali: determinato il tasso annuale massimo

E’ stato pubblicato sulla G.U. n. 142 del 22 giugno 2015 il Decreto 16 giugno 2015 del Ministero dell’Economia e

Revisori Enti Locali: scatta l’undicesima integrazione dell’Elenco 2020

Per 14 iscritti la cancellazione è dovuta al mancato versamento del contributo annuale di iscrizione al Registro dei Revisori legali