Labio 4.0 Marino Golinelli, centro R&S che parla italiano

Labio 4.0 Marino Golinelli, centro R&S che parla italiano

Il made in Italy è protagonista della nascita di ‘Labio 4.0 Marino Golinelli’. Sono infatti decine le aziende italiane coinvolte nella messa a punto dei nuovi laboratori di Ricerca e Sviluppo dedicati alla tecnologia farmaceutica e alla chimica analitica nello stabilimento Alfasigma di Pomezia, inaugurato questa mattina.  

Dalla progettazione alla realizzazione, l’intero progetto di revamping di Labio 4.0 è stato gestito da realtà e professionisti del territorio. Non solo. Il 70% dei macchinari ad alta tecnologia presenti è prodotto da aziende italiane, molte delle quali fiori all’occhiello dell’industria e dell’ingegneria nazionale, leader nei loro settori di appartenenza. Tra queste: CSV life science, azienda ingegneristica di Milano, il Consorzio P&F di Latina, IMA S.p.A. (divisione active – solidoralforms), azienda di Bologna leader nel suo settore, CSV Containment per l’isolamento, Monlab di Carpi e Vibrating Screen TAIM di Atessa.  

Con una superficie di 5.600 metri quadrati, il centro è frutto di un investimento iniziale di 17 milioni di euro, con ancora un ampio potenziale di sviluppo e che prende il nome dal fondatore dell’allora biochimici A.L.F.A, il cavaliere Marino Golinelli, ora presidente onorario di Alfasigma. Il dipartimento R&S dell’azienda impiega 138 ricercatori, di cui la maggioranza donne (86 donne e 52 uomini). Il Labio 4.0 ospita circa la metà di questi ricercatori che sono distribuiti nei due centri R&D di Pomezia e Bologna.  


Related Articles

J-Ax si racconta: “Finii a cantare nelle sagre e iniziai a drogarmi”

(Adnkronos) – ”Di sana pianta, un disco ad alto budget in cui credevano tutti. Giornalisti, casa discografica, produttori – racconta

Camera, da lunedì Transatlantico di nuovo off limits

Il Transatlantico di Montecitorio da lunedì prossimo sarà nuovamente utilizzato come appendice dell’Aula della Camera con le relative postazioni per

Vaccino bambini 5-11 anni, Viola: “Covid può essere grave in bimbi, meglio farlo”

“Bisogna vaccinare i bambini” tra i 5 e gli 11 anni contro il Covid perché “l’infezione, seppure in casi rari,

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.