Lavori pubblici: in G.U. il Dm. relativo al Programma triennale e agli Elenchi annuali

Lavori pubblici: in G.U. il Dm. relativo al Programma triennale e agli Elenchi annuali

E’ stato pubblicato sulla G.U. n. 283 del 5 dicembre 2014 il Decreto del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti 24 ottobre 2014, recante “Procedure e schemi-tipo per la redazione e la pubblicazione del programma triennale, dei suoi aggiornamenti annuali e dell’elenco annuale dei lavori pubblici e per la redazione e la pubblicazione del programma annuale per l’acquisizione di beni e servizi”.

Il Decretocontiene in allegato gli schemi del Programma triennale e gli Elenchi annuali dei lavori che devono essere adottati dalle Amministrazioni di cui all’art. 3, comma 25, del Dlgs. n. 163/06.

Il Programma triennale e i suoi aggiornamenti dovranno contenere i seguenti dati: localizzazione dell’intervento, stima dei costi, tipologia, categoria, apporti di capitale privato, distinta dei lavori da realizzarsi nell’anno cui l’elenco si riferisce, dati relativi al Responsabile del procedimento, stato della progettazione, conformità urbanistica, verifica dei vincoli ambientali e ordine di priorità di cui all’art. 128, comma 3, del Dlgs. n. 163/06.Per ulteriori informazioni rimandiamo alla consultazione del Decreto, disponibile in allegato.

Dm. 24 ottobre 2014

Allegato al Dm 24 ottobre 2014


Tags assigned to this article:
lavori pubbliciMit

Related Articles

Procedure di somma urgenza: chiarimenti Anac sulla presentazione delle Istanze per il rilascio del parere sulla congruità del prezzo

L’art. 163 del Dlgs. n. 50/2016, recante “Procedure in caso di somma urgenza e di protezione civile”, al comma 9

Rimborsi Iva: chiariti i termini per la presentazione della Dichiarazione integrativa

Dopo la recente Circolare n. 32/E del 30 dicembre 2014, con la Circolare n. 35/E del 27 ottobre 2015 l’Agenzia

Ordinanza di assegnazione in pagamento di crediti: è titolo idoneo per consentire il riconoscimento di obbligazioni fuori bilancio

  Nella Delibera n. 105 del 21 dicembre 2016 della Corte dei conti Liguria, un Comune ha chiesto un parere