Lavori pubblici: l’obbligo di indicazione del costo per la sicurezza riguarda solo le procedure relative agli appalti di servizi e forniture

Lavori pubblici: l’obbligo di indicazione del costo per la sicurezza riguarda solo le procedure relative agli appalti di servizi e forniture

Nella Sentenza 12288 del 5 dicembre 2014 del Tar Lazio, i Giudici statuiscono che l’obbligo di indicazione, in sede di offerta, del costo relativo alla sicurezza ex art. 87, comma 4, del Dlgs. n. 163/06 riguarda esclusivamente le procedure relative agli appalti di servizi e forniture, mentre in materia di lavori pubblici la quantificazione è rimessa al piano di sicurezza e coordinamento ex art. 100 del Dlgs. n. 81/08 fermo restando l’obbligo di verifica dell’adeguatezza degli oneri per tutti i contratti pubblici in forza dell’art. 86, comma 3-bis, del Dlgs. n. 163/06. Inoltre, i Giudici osservano che la cooptazione è un istituto di carattere speciale che abilita un soggetto, privo dei prescritti requisiti di qualificazione (e, dunque, di partecipazione), alla sola esecuzione dei lavori nei limiti del 20%, in deroga alla disciplina vigente in tema di qualificazione Soa per cui il soggetto cooptato. Quindi tale soggetto non può acquistare lo status di concorrente, non può acquistare alcuna quota di partecipazione all’appalto e non può rivestire la posizione di offerente, prima, e di contraente, poi, e quindi non può prestare garanzie, né subappaltare o affidare a terzi una quota dei lavori da eseguire.


Tags assigned to this article:
appalticostosicurezza

Related Articles

Notifica a mezzo Pec di copia informatica dell’originale cartaceo

Nell’Ordinanza n. 30945 del 27 novembre 2019 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità affermano che l’irritualità della notificazione

Istat: pubblicato l’aggiornamento dell’Indice sul costo della vita a febbraio 2015

E’ stato pubblicato sulla G.U. n. 72 del 27 marzo 2015 il Comunicato dell’Istat contenente l’aggiornamento al mese di febbraio

Revisori legali e Società di revisione: approvato il Regolamento sui provvedimenti sanzionatori

E’ stato emanato il Decreto Ministro dell’Economia e delle Finanze 8 luglio 2021, n. 135 (“Regolamento concernente la procedura per l’adozione