“Legge di stabilità 2015”: la risposta del Mef alle osservazioni di Bruxelles

“Legge di stabilità 2015”: la risposta del Mef alle osservazioni di Bruxelles

Individuazione di misure aggiuntive pari a 4,5 miliardi di Euro per correggere il deficit strutturale di circa circa 0,3 punti percentuali del Pil nel corso del 2015 e illustrazione delle ragioni per le quali gli anni 2014 e 2015 siano da considerarsi “eccezionali” dal punto di vista finanziario. E’ puntando su questi 2 elementi che il Ministro dell’Economia e delle Finanze Pier Carlo Padoan ha risposto questa mattina alle richieste di chiarimento avanzate dalla Commissione europea sul Documento programmatico di bilancio 2015.

Nella missiva, indirizzata all’ex Premier finlandese e Commissario europeo per gli affari economici e monetari Jyrki Katainen, Padoan ha insistito sul fatto che l’Italia sta attraversando una delle più dure e prolungate recessioni della sua storia. “Il Pil – si legge – è sceso di oltre il 9% rispetto ai livelli del 2008. L’economia attraversa il suo terzo anno di recessione e corre un serio rischio di deflazione – o prolungato periodo di inflazione molto bassa – e stagnazione. Un quarto anno di recessione dev’essere evitato in qualsiasi modo”.

Appellandosi inoltre al fatto che – come evidenziato nelle stesse osservazioni della Commissione Ue – sono in atto delle “riforme strutturali”, “l’Italia – ha evidenziato il Ministro – ha deciso di avvalersi della flessibilità garantita dalla legislazione europea (art. 5, Regulation 1466/97) e nazionale (art. 3, par. 4, Legge n. 243/12) in maniera tale da implementare un ambizioso pacchetto di riforme strutturali finalizzate all’aumento della crescita potenziale”.

I 4.5 miliardi saranno individuati nei seguenti capitoli di spesa:

3,3 miliardi presi dal Fondo per la riduzione delle tasse;

0,5 miliardi dai Fondi per i cofinanziamenti Ue;

0,73 miliardi da un’estensione del regime del “reverse charge” Iva.


Tags assigned to this article:
Commissione UeLegge di stabilitàpadoan

Related Articles

Patto di stabilità interno: scattano le sanzioni per le violazioni relative all’anno 2014

Con 2 diversi Comunicati datati 25 e 28 settembre 2015, il Ministero dell’Interno – Direzione centrale della Finanza locale, ha

Comuni sciolti per infiltrazione mafiosa: determinate le anticipazioni di cassa per il pagamento di spese indifferibili

È stato pubblicato sulla G.U. n. 103 del 5 maggio 2017, il Dm. Interno 24 aprile 2017, recante “Anticipazione di

Riduzione dell’incidenza della spesa di personale rispetto al complesso delle spese correnti

Nella Delibera n. 137 del 15 ottobre 2015 della Corte dei conti Emilia Romagna, un Sindaco ha chiesto se la