Legge sull’usura: definiti i tassi per il periodo gennaio-marzo 2015

Legge sull’usura: definiti i tassi per il periodo gennaio-marzo 2015

E’ stato pubblicato sulla G.U. n. 301 del 30 dicembre 2014 il Decreto Ministero dell’Economia e delle Finanze 24 dicembre 2014, che ha stabilito i tassi di interesse effettivi globali medi rilevati ai sensi della “Legge sull’usura” (Legge n. 108/96).

Il Decreto, in vigore dal 1° gennaio 2015, fissa la soglia dei tassi anti-usura per i mutui da applicare per il periodo che va dal 1° gennaio al 31 marzo 2015. L’Allegato “A” del Decreto citato riporta le medie aritmetiche dei tassi sulle singole operazioni delle banche e degli intermediari finanziari non bancari, corrette per la variazione del valore medio del tasso applicato alle operazioni di rifinanziamento principali dell’Eurosistema con riferimento alla rilevazione nel periodo 1° luglio–30 settembre 2014. Infatti, il comma 1 dell’art. 2 della Legge n. 108/96, dispone che il Ministro del Tesoro rilevi trimestralmente il tasso effettivo globale medio, comprensivo di commissioni, di remunerazioni a qualsiasi titolo e spese, escluse quelle per Imposte e tasse, riferito ad anno, degli interessi praticati dalle banche e dagli intermediari finanziari.

Si ricorda che, ai fini della determinazione degli interessi usurari ai sensi dell’art. 2, comma 4, della Legge citata, come modificata dal Dl. n. 70/11, convertito con modificazioni dalla Legge n. 106/11, i tassi rilevati devono essere aumentati di un quarto, cui si aggiunge un ulteriore margine di 4 punti percentuali. La differenza tra il limite e il tasso medio non può essere superiore a 8 punti percentuali. I tassi effetti globali medi non sono comprensivi degli interessi di mora contrattualmente previsti per ritardato pagamento. Le banche e gli intermediari sono tenuti ad affiggere in ciascuna sede o dipendenza la Tabella riportata nell’Allegato A.


Related Articles

“Legge sull’usura”: definiti i tassi per il periodo luglio-settembre 2016

E’ stato pubblicato sulla G.U. n. 151 del 30 giugno 2016 il Decreto Ministero dell’Economia e delle Finanze 24 giugno

Iva: è esente la prestazione di un Consorzio nei confronti di un Comune consorziato se inerente la sua attività istituzionale?

Il testo del quesito: “Una Societá consortile ha richiesto al Comune una certificazione per l’applicazione del regime di esenzione Iva

 “No” all’annullamento in autotutela dell’accertamento

Nell’Ordinanza n. 4933 del 20 febbraio 2019 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità chiariscono che il contribuente che