Lush lancia Bring It Back, nuovo sistema di reso delle confezioni

Lush lancia Bring It Back, nuovo sistema di reso delle confezioni

Lush, brand etico di cosmetici freschi e fatti a mano, lancia giovedì 21 ottobre in tutti i punti vendita, il programma Bring It Back, programma di reso che consente al cliente di riportare in negozio qualunque contenitore di plastica Lush, vuoto e pulito, per favorirne il riciclo in un’ottica di economia circolare. Per ogni contenitore riportato, il cliente riceverà 50 centesimi di euro utilizzabili per gli acquisti contestualmente alla spesa del giorno in uno dei 30 negozi Lush in Italia. 

Con il programma Bring It Back, Lush promuove un nuovo concetto di ‘packaging come servizio’ e si propone di sostenere un modello di economia circolare. Una volta riportate in negozio, infatti, tutte le confezioni vengono spedite al Lush Greenhub in Croazia, l’hub di riciclo dei materiali, che si occuperà di separare le etichette e di sminuzzare il tutto per creare materiale riciclato. Grazie a un partner locale croato, Lush è riuscita a creare uno schema di riciclo a circuito chiuso per tutti i vari tipi di plastica usati: il fornitore acquista infatti il materiale ottenuto dalle confezioni raccolte grazie al programma Bring It Back e lo utilizza per produrre nuove confezioni Lush, sia vasetti neri che bottiglie.  

Lush sceglie di lanciare questo nuovo programma per diventare 100% responsabile del proprio packaging e garantire che tutti i contenitori, bottiglie, vasetti e tubetti, possano avere nuova vita. “Vogliamo fare ogni giorno la differenza nell’industria cosmetica – spiega Rowena Bird, co-fondatrice di Lush – Abbiamo idee e passione, la sfida è trasformare queste idee in realtà invitando quante più persone a partecipare. Aiutateci a farlo sapere, mettiamo un pizzico di positività nella plastica: dopotutto non è la plastica il cattivo, siamo noi i cattivi quando non la riutilizziamo e non la ricicliamo”. 

Con il lancio del programma Bring It Back, Lush conferma la propria mission ‘Leave the world Lusher than we found it’ (rendere il mondo un po’ più Lush di come l’abbiamo trovato) e la volontà di promuovere un consumo consapevole e responsabile.  

“Stiamo lavorando duramente per offrire alle persone un’esperienza di shopping senza sprechi – dice Rae Stanton-Smithson, Lush Earthcare Team – Continuiamo a inventare rivoluzionari prodotti nudi e materiali di imballaggio unici, lavoriamo su packaging in plastica riutilizzabili e stiamo anche valutando opzioni di refill per il futuro. Questo nuovo programma è un altro importante passo per lasciare il mondo più Lush di come l’abbiamo trovato. Proporre uno schema di deposito, in cui i clienti Lush sono consapevoli di ‘noleggiare’ il packaging e di poterlo riportare una volta finito, ci permette di poter essere responsabili della riduzione dei rifiuti e del riciclaggio delle risorse. Tutto quello che i nostri clienti devono fare è riportare le confezioni in negozio, al resto pensiamo noi”.  


Related Articles

Clima, Cingolani: “Giovani costruttivi e maturi. Le loro proposte alla Cop26”

I ragazzi? “Costruttivi e maturi” e le proposte verranno discusse alla Cop 26 di Glasgow. Così Roberto Cingolani, ministro della

Rifiuti, Mite riconosce in via definitiva Coripet come sistema autonomo

Il ministero della Transizione Ecologica, con il Decreto n. 44 del 28 luglio 2021, riconosce in via definitiva Coripet come

Gli ultimi 7 anni sono stati i più caldi a livello globale

Gli ultimi sette anni sono stati, con ampio margine, i più caldi in assoluto a livello globale. Tra questi sette

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.