L’uso della fascia tricolore

L’uso della fascia tricolore

In vista delle ormai prossime Elezioni amministrative che vedranno il coinvolgimento di 1.154 Comuni italiani, ho ritenuto utile ripercorrere la regolamentazione che sovrintende all’utilizzo della fascia tricolore, che è – come noto – uno degli elementi distintivi dei Sindaci.

Nell’attuale Ordinamento degli Enti Locali, contenuto nel Dlgs n. 267/00 Tuel, all’art. 50, comma 12, è disciplinato l’uso della fascia tricolore: “Distintivo del Sindaco è la fascia tricolore con lo Stemma della Repubblica con lo stemma della Repubblica e lo stemma del Comune, da portarsi a tracolla”. Il comma definisce, altresì, la fascia del Presidente della Provincia, che è di colore azzurro e per quanto riguarda gli altri amministratori, la legge non prevede altri simboli da indossare.

Il Sindaco mette la fascia in tutte le manifestazioni ufficiali, in qualunque veste intervenga, quando egli è assente o impedito temporaneamente spetta al vicesindaco fregiarsene, ai sensi dell’art. 53, comma 2, del Dlgs n. 267/00 Tuel.

Tale segno ha una funzione caratteristica, finalizzata a rendere evidente la differenza tra il Sindaco e gli altri titolari di pubbliche cariche, sottolinea l’impegno che il Sindaco si assume nei confronti dello Stato e della comunità locale. L’alto ruolo istituzionale svolto impone un uso corretto di tale distintivo sindacale, come da Circolare del Ministero dell’Interno 4 novembre 1998, n. 5/98 – Fascia tricolore – pubblicata nella G. U. n. 270/1998.

Dunque, la disciplina dell’uso è legata, alla natura delle funzioni sindacali, in quanto capo dell’Amministrazione comunale e Ufficiale di governo.

Il Ministero dell’Interno ha ribadito in diversi pareri il concetto che l’uso della fascia tricolore, anche per delega dello stesso Sindaco, da parte di altri soggetti diversi dal Vicesindaco, seppur incardinati nell’Amministrazione comunale o facenti parte di Organismi o Enti a cui partecipano gli Enti Locali con propri rappresentanti, non appare in linea con il dettato normativo.

La delega è ammessa solo nelle ipotesi indicate da esplicite previsioni normative, come quella di cui all’art. 70, del Dpr. n. 396/2000, ove, in ragione della particolarità delle funzioni espletate, si prevede che “l’ufficiale dello stato civile, nel celebrare il matrimonio, deve indossare la fascia tricolore…”.

Dunque il Sindaco è vincolato al suo utilizzo nei limiti previsti dalla normativa.

La fascia tricolore è composta dei colori nazionali: verde, bianco e rosso; così come all’art. 12 della Costituzione, indica le caratteristiche della bandiera italiana. Va indossata a tracolla sulla spalla destra, con il colore verde rivolto verso l’alto, vicino al collo e di conseguenza il rosso rivolto verso il basso; deve essere sempre curata, pulita e in ordine. Occorre, altresì, osservare un comportamento e un abbigliamento consono, quando viene indossato tale segno distintivo, che richiama il principio dell’unità ed indivisibilità della Repubblica.

Alla fascia tricolore si estende il disposto dell’art. 292 del Codice penale che tutela la bandiera e i colori nazionali, talché costituisce reato l’offesa ad essa.

Tuttavia il Ministero dell’Interno ha evidenziato nei pareri, che alla luce della Legge costituzionale n. 3/ 2001, sussiste oggi ampia possibilità per le autonomie locali di disciplinare, con normazione regolamentare, l’utilizzo dei propri segni distintivi, anche a scopo di rappresentanza, senza così ricorrere all’impiego di un simbolo, come la fascia tricolore, attinente nello specifico al Capo dell’amministrazione ed allo svolgimento delle proprie funzioni in conformità alle indicazioni di legge.

Per tale motivo molti consigli comunali hanno deciso di dotarsi di una fascia di rappresentanza con i colori della propria Municipalità, un simbolo per dare al Consiglio un proprio spazio di rappresentanza che merita, ribadendo la propria autonomia funzionale e organizzativa.

di Michele Fiaschi


Related Articles

Società “in house”: condizioni di partecipazione dei privati

Nel Parere n. 1389 del 7 maggio 2019 del Consiglio di Stato, i Giudici hanno precisato 3 Principi di fondamentale

Avvalimento: la stazione appaltante non ha il potere di introdurre condizioni limitative 

Nella Sentenza n. 6691 del 19 novembre 2018 del Tar Napoli, la questione controversa riguarda la nullità delle clausole del

Emergenza abitativa: via libera della Conferenza unificata allo sblocco di risorse per allentare criticità famiglie

E’ stato ratificato, in occasione della Conferenza unificata del 22 gennaio 2015, lo sblocco di risorse per un totale di

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.