Mancato riporto del credito Iva in Dichiarazione: la Cassazione ribadisce che, se spettante, è possibile comunque il riconoscimento

Mancato riporto del credito Iva in Dichiarazione: la Cassazione ribadisce che, se spettante, è possibile comunque il riconoscimento

Corte di Cassazione, Ordinanza n. 1962/2017 del 25 gennaio 2017

 

L’omessa presentazione della Dichiarazione Iva non impedisce il riconoscimento del credito Iva qualora il contribuente dimostri di essere soggetto Iva ed abbia diritto a detrarsi l’Imposta.

E’ quanto sancito dalla Corte di Cassazione, con l’Ordinanza n. 1962/2017 del 25 gennaio 2017, relativa ad un ricorso proposto dall’Agenzia delle Entrate contro una Sentenza della Ctr Lombardia.

La Cassazione ha ricordato in primo luogo che la questione circa la possibilità di ottenere la detrazione di un credito Iva non indicato nella Dichiarazione dell’anno al quale si riferisce la relativa pretesa è

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Riduzione automatica canoni di locazione P.A.: nessuna deroga, unica opzione per locatore che la rifiuti è il recesso

Nella Delibera n. 154 del 23 luglio 2015 della Corte dei conti Puglia, un Sindaco formula un quesito in relazione

La “Nota di aggiornamento al Def 2019”: gli Enti Locali nel primo Documento economico finanziario del nuovo Governo Conte

Indice: Alcuni richiami generali: dal Def alla ‘Legge di bilancio’ Argomenti specifici della Nadef 2019 che riguardano gli Enti Locali

Enti strutturalmente deficitari: aggiornato l’Elenco degli Enti tenuti ad inviare la certificazione sulla copertura del costo dei servizi

Con il Comunicato pubblicato il 25 giugno 2018 sul proprio sito istituzionale, il Ministero dell’Interno – Direzione centrale della Finanza