Mancato riporto del credito Iva in Dichiarazione: la Cassazione ribadisce che, se spettante, è possibile comunque il riconoscimento

Mancato riporto del credito Iva in Dichiarazione: la Cassazione ribadisce che, se spettante, è possibile comunque il riconoscimento

Corte di Cassazione, Ordinanza n. 1962/2017 del 25 gennaio 2017

 

L’omessa presentazione della Dichiarazione Iva non impedisce il riconoscimento del credito Iva qualora il contribuente dimostri di essere soggetto Iva ed abbia diritto a detrarsi l’Imposta.

E’ quanto sancito dalla Corte di Cassazione, con l’Ordinanza n. 1962/2017 del 25 gennaio 2017, relativa ad un ricorso proposto dall’Agenzia delle Entrate contro una Sentenza della Ctr Lombardia.

La Cassazione ha ricordato in primo luogo che la questione circa la possibilità di ottenere la detrazione di un credito Iva non indicato nella Dichiarazione dell’anno al quale si riferisce la relativa pretesa è

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Farmacie: il Consiglio di Stato interviene sul sistema di gestione, confermato il via libera al modello “in house”

Nella Sentenza n. 4120 del 4 settembre 2015 del Consiglio di Stato, i Giudici osservano che, pur dopo l’abolizione dell’art.

“Piani triennali prevenzione corruzione”: le indicazioni Anac alle Province alla luce della “Legge Delrio”

I “Piani triennali di prevenzione della corruzione 2016-2018” (“Ptpc”) delle Province devono necessariamente contenere misure di prevenzione della corruzione con

Acquisizione beni e servizi Ict da parte di P.A.: per il 2016 scatta il divieto di costituire nuovi Data center

Divieto di sostenere spese legate alla costituzione di nuovi Data center o all’adeguamento di applicazioni rientranti tra quelle disponibili nelle