Mancato riporto del credito Iva in Dichiarazione: la Cassazione ribadisce che, se spettante, è possibile comunque il riconoscimento

Mancato riporto del credito Iva in Dichiarazione: la Cassazione ribadisce che, se spettante, è possibile comunque il riconoscimento

Corte di Cassazione, Ordinanza n. 1962/2017 del 25 gennaio 2017

 

L’omessa presentazione della Dichiarazione Iva non impedisce il riconoscimento del credito Iva qualora il contribuente dimostri di essere soggetto Iva ed abbia diritto a detrarsi l’Imposta.

E’ quanto sancito dalla Corte di Cassazione, con l’Ordinanza n. 1962/2017 del 25 gennaio 2017, relativa ad un ricorso proposto dall’Agenzia delle Entrate contro una Sentenza della Ctr Lombardia.

La Cassazione ha ricordato in primo luogo che la questione circa la possibilità di ottenere la detrazione di un credito Iva non indicato nella Dichiarazione dell’anno al quale si riferisce la relativa pretesa è

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Corte dei conti: al via il Sistema informativo per la resa elettronica dei conti giudiziali

La Corte dei conti, con il Comunicato-stampa 10 dicembre 2014, ha annunciato che è disponibile sul proprio sito istituzionale il

Servizio “Tesoreria” comprendente l’amministrazione di titoli e valori: il compenso è soggetto al regime di esenzione Iva?

Il testo del quesito: “Il Tesoriere del Comune sostiene che, laddove il Servizio di ‘Tesoreria’ comprenda quello di amministrazione titoli

Mutui Enti Locali: in G.U. i tassi da applicare su quelli a tasso variabile per il II semestre 2014

E’ stato pubblicato sulla G.U. n. 290 del 15 dicembre 2014 il Decreto 5 dicembre 2014, con il quale il