Mutui a tasso variabile Enti Locali: in G.U. i tassi da applicare per il II semestre 2019

Mutui a tasso variabile Enti Locali: in G.U. i tassi da applicare per il II semestre 2019

E’ stato pubblicato sulla G.U. n. 170 del 22 luglio 2019 il Decreto 15 luglio 2019, con il quale il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha stabilito i tassi da applicare, tenuto conto delle misure dei tassi Euribor Act a 3 mesi rilevate nel mese di maggio 2017, per il periodo 1° luglio–31 dicembre 2019, ai mutui a tasso variabile contratti dagli Enti Locali.

I relativi tassi sono stati stabiliti nelle seguenti misure:

  • 0,95%, per i mutui di cui ai Dl. n. 318/86 e n. 359/87 ed alla Legge n. 67/88;
  • 0,90%, per i mutui di cui al Dl. n. 66/89 ed al relativo Dm. 28 giugno 1989 di attuazione;
  • 1,25%, per i mutui di cui al Dl. n. 66/89 ed al relativo Dm. 26 giugno 1990 di attuazione;
  • 1,20%, per i mutui di cui al Dl. n. 66/89 ed ai Dm. 25 marzo 1991 e 24 giugno 1993, stipulati entro il 30 dicembre 1998;
  • 1,20%, per i mutui di cui al Dl. n. 66/89 ed ai Dm. 25 marzo 1991 e 24 giugno 1993, stipulati nel periodo 31 dicembre 1998 – 28 maggio 1999.

Al costo della provvista – ai sensi dell’art. 1, comma 2 – va aggiunta la commissione onnicomprensiva in vigore nel periodo in cui i mutui sono stati perfezionati e che rimane fissa per tutta la durata dell’operazione.

I tassi in questione si applicano ai mutui stipulati anteriormente al 29 maggio 1999, data di entrata in vigore del Dm. 10 maggio 1999 che, com’è noto, in luogo della determinazione periodica da parte del Ministro dell’Economia del saggio di interesse sui mutui a tasso variabile, ha stabilito che, per quelli stipulati successivamente al 29 maggio 1999, il costo globale annuo massimo è rappresentato dal valore medio dell’Euribor a 6 mesi rilevato in occasione di ogni rata in scadenza, più una percentuale fissa, diversa in relazione alla durata del finanziamento.


Related Articles

Notifica a mezzo posta raccomandata con ricevuta di ritorno

Nella Sentenza n. 25952 del 31 ottobre 2017 della Corte di Cassazione, un contribuente impugna alcune ingiunzioni di pagamento emesse

Mancato riporto del credito Iva in Dichiarazione: la Cassazione ribadisce che, se spettante, è possibile comunque il riconoscimento

Corte di Cassazione, Ordinanza n. 1962/2017 del 25 gennaio 2017   L’omessa presentazione della Dichiarazione Iva non impedisce il riconoscimento

“Siope+”: rese note dal Mef nuove funzionalità per gli utenti

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze, nella Sezione del sito dedicata alla Piattaforma “Crediti commerciali”, ha reso note le nuove

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.