Notifica a mezzo del Servizio postale: sottoscrizione del ricevente indecifrabile non implica nullità

Notifica a mezzo del Servizio postale: sottoscrizione del ricevente indecifrabile non implica nullità

Nell’Ordinanza n. 924 del 20 gennaio 2016 della Corte di Cassazione, i Giudici rilevano che, nel caso di notifica a mezzo del Servizio postale, ove l’atto sia consegnato all’indirizzo del destinatario a persona che abbia sottoscritto l’avviso di ricevimento, con grafia illeggibile, nello spazio relativo alla “firma del destinatario o di persona delegata”, e non risulti che il piego sia stato consegnato dall’Agente postale a persona diversa dal destinatario tra quelle indicate dall’art. 7, comma 2, della Legge n. 890/82, la consegna deve ritenersi validamente effettuata a mani proprie del destinatario, fino a querela di falso, a nulla rilevando che nell’avviso non sia stata sbarrata la relativa casella e non sia altrimenti indicata la qualità del consegnatario, non essendo integrata alcuna delle ipotesi di nullità di cui all’ art. 160 del Cpc.

Ordinanza n. 924 del 20 gennaio 2016 – Corte di Cassazione


Related Articles

Iva: aliquota ordinaria per clips endoscopiche, sonde rivestite con la guaina e cateteri di rilascio necessari per applicare le clips

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta n. 610 del 18 dicembre 2020, ha stabilito che non è applicabile l’aliquota Iva

“Piani triennali dei fabbisogni di personale”: limite di spesa potenziale degli Enti Locali

Nella Delibera n. 111 del 13 luglio 2018 Corte dei conti Puglia, un Sindaco ha chiesto un parere in merito

“Decreto Privacy”: i primi rilievi di interesse per gli Enti Locali

Il Decreto legislativo 10 agosto 2018, n. 101, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 4 settembre 2018, reca “Disposizioni per l’adeguamento