Notifica a mezzo raccomandata A/R

Notifica a mezzo raccomandata A/R

Nella Sentenza n. 26336 del 19 novembre 2020 della Corte di Cassazione, la Suprema Corte chiarisce che nel Processo tributario, ove la parte appellante decida di notificare l’atto di gravame avvalendosi non già dell’Ufficiale giudiziario, ma della spedizione diretta a mezzo piego raccomandato (consentita dall’art. 16, comma 3, del Dlgs. n. 546/1992), le indicazioni che devono risultare dall’avviso di ricevimento ai fini della validità della notificazione, quando l’atto sia consegnato a persona diversa dal destinatario, sono non già quelle di cui all’art. 139 del Cpc., ma quelle prescritte dal Regolamento postale per la raccomandata ordinaria. Ne consegue che non è ravvisabile alcun profilo di nullità ove il suddetto avviso di ricevimento, debitamente consegnato nel domicilio del destinatario, sia sottoscritto da persona ivi rinvenuta, ma della quale non risulti dall’avviso medesimo la qualità o la relazione con il destinatario dell’atto, salva la facoltà del destinatario di dimostrare, proponendo querela di falso, la assoluta estraneità della persona che ha sottoscritto l’avviso alla propria sfera personale o familiare. 


Related Articles

Spese di rappresentanza: sono connotate dallo scopo

Nella Delibera n. 1 del 16 marzo 2018 della Corte dei conti Lazio, un Sindaco ha chiesto se le spese

Fabbisogno del Settore statale di agosto 2015: aumenta il saldo negativo, 7,8 miliardi di Euro

Con il Comunicato-stampa n. 206 del 15 ottobre 2015, il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha comunicato i dati di

Cartelle di pagamento: onere della prova e notifica a mezzo posta  

Nella Sentenza n. 23213 del 31 ottobre 2014, della Corte di Cassazione, una Ctr ha rigettato l’appello proposto da una

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.