Notifica: è nulla se fatta ad un procuratore con lo stesso cognome di quello indicato in Sentenza ma un nome diverso

Notifica: è nulla se fatta ad un procuratore con lo stesso cognome di quello indicato in Sentenza ma un nome diverso

Nella Sentenza n. 5716 del 23 marzo 2016, la Corte di Cassazione statuisce che l’ipotesi di inesistenza giuridica della notificazione ricorre quando essa sia stata eseguita in modo assolutamente non previsto dalla normativa e sia quindi inidonea a realizzare lo schema tipico dell’istituto, come accade quando la consegna dell’atto avvenga a persona ed in luogo non riferibili al destinatario e non vi sia stata una qualsiasi consegna dell’atto da notificare.

Si configura invece la nullità della notificazione quando, nonostante l’inosservanza di formalità e di disposizioni di legge in tema o di individuazione delle persone legittimate a ricevere la consegna dell’atto notificato o del luogo in cui detta consegna deve essere eseguita, una notificazione sia comunque materialmente avvenuta mediante rilascio di copia dell’atto a persona e luogo avente un qualche riferimento con il destinatario della notificazione. Pertanto, nel caso di specie, la notificazione presso il domicilio eletto ad un procuratore che abbia lo stesso cognome di quello indicato in Sentenza, ma un nome diverso, tenuto conto della identità dello studio e del cognome dei 2 Avvocati può considerarsi eseguita in luogo e a persona che presentino comunque una relazione con l’intimato, sicché non è inesistente ma nulla, con la sola conseguente necessità della sua rinnovazione.


Related Articles

Ici: fabbricati rurali strumentali all’attività agricola

Nella Sentenza n. 8862 del 4 maggio 2016 della Corte di Cassazione, una Srl presentò 3 istanze di rimborso in

Immigrazione: contro la tratta di esseri umani Decaro lancia la proposta di avviare gemellaggi tra Comuni italiani e libici

“Un gemellaggio, un sostegno concreto da Sindaci a Sindaci per consolidare la democrazia e combattere anche a livello locale il

“Soccorso istruttorio”: applicabile ove a differire dal prezzo minimo prescritto dalla “lex specialis” sia una singola voce del prezziario

Nella Sentenza n. 2973 del 19 giugno 2017 del Consiglio di Stato, una Società ha impugnato la determinazione recante affidamento