Obblighi pubblicazione P.A.: Anac annuncia verifiche a partire da febbraio

Obblighi pubblicazione P.A.: Anac annuncia verifiche a partire da febbraio

A partire da febbraio 2017, l’Autorità nazionale Anticorruzione effettuerà i tentativi di accesso automatizzato alle Url comunicate dalle Amministrazioni per l’acquisizione dei file Xml pubblicati dalle P.A. nell’ambito dell’assolvimento degli obblighi di pubblicazione e trasmissione dei dati di cui all’art. 1, comma 32, della Legge n. 190/12.

A renderlo noto è la stessa Anac, con la Nota 11 gennaio 2017, che precisa che le specifiche tecniche per la comunicazione via Pec dell’avvenuta pubblicazione dei dati – da completare entro il 31 gennaio 2017 – e quelle di pubblicazione dei dati (formato Xsd), sono rimaste invariate rispetto allo scorso anno.

In vista dell’avvio delle verifiche che saranno condotte a partire dal prossimo mese, l’Autorità ha invitato le stazioni appaltanti a verificare che tutti i file pubblicati siano accessibili e rispettino le specifiche tecniche richieste.

Riportiamo qui di seguito i 2 passaggi relativi agli adempimenti fissati per il 31 gennaio 2017, data entro la quale le stazioni appaltanti devono:

  • inviare tramite Pecall’Anac (indirizzo comunicazioni@pec.anticorruzione.it) un messaggio che attesta l’avvenuto adempimento. La mail deve riportare, nell’apposito Modulo Pdf (aggiornato al 15 gennaio 2016), il Codice fiscale della stazione appaltante e l’Url di pubblicazione del file Xml per l’anno in corso;
  • pubblicare sul proprio sito internet istituzionale le informazioni di cui all’art. 4 della Deliberazione n.39 del 2 gennaio 2016 secondo la struttura e le modalità definite dall’Autorità (vedi specifiche tecniche aggiornate per la pubblicazione dei dati in file Xml).

Related Articles

Patto di stabilità interno 2015: aggiornato il prospetto degli obiettivi per i Comuni che gestiscono servizi in forma associata

  Sono stati rimodulati gli obiettivi 2015-2018 del Patto di stabilità per i Comuni che gestiscono servizi in forma associata.

Stralcio di crediti residui inferiori a 1.000 Euro: un chiarimento sui tempi di emissione delle note di credito

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta all’Istanza di Interpello n. 90 dell’11 marzo 2020, ha fornito indicazioni in merito all’emissione

Digitalizzazione documentazione amministrativa: le precauzioni per non incorrere nelle sanzioni previste dal “Codice della Privacy”

La presenza dei documenti informatici nell’Ente presenta nuove problematicità, non solo in termini di conservazione e di valore giuridico probatorio,