Obbligo di motivazione dell’avviso di classamento

Obbligo di motivazione dell’avviso di classamento

Nell’Ordinanza n. 19691 del 25 luglio 2018 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità chiariscono che, in tema di classamento di immobili, qualora l’attribuzione della rendita catastale avvenga a seguito della Procedura disciplinata dall’art. 2 del Dl. n. 16/93, convertito in Legge n. 75/93 e dal Dm. n. 701/94 (cd. Procedura “Docfa”), l’obbligo di motivazione dell’avviso di classamento può ritenersi soddisfatto con la mera indicazione dei dati oggettivi e della classe attribuita solo se gli elementi di fatto indicati dal contribuente non siano stati disattesi dall’Ufficio e l’eventuale discrasia tra rendita proposta e rendita attribuita derivi da una valutazione tecnica sul valore economico dei beni classati. Mentre, in caso contrario, la motivazione dovrà essere più approfondita e specificare le differenze riscontrate sia per consentire il pieno esercizio del diritto di difesa del contribuente, sia per delimitare l’oggetto dell’eventuale contenzioso.


Related Articles

Anac: proroga al 16 gennaio 2017 del termine per la pubblicazione della Relazione annuale dei “Rpc”

Con il Comunicato 5 dicembre 2016, il Presidente dell’Anac rende noto che, in base alle richieste di chiarimenti pervenute e

Revisori Enti Locali: pubblicato il decimo Decreto che modifica l’Elenco 2016

La Direzione centrale per la Finanza locale del Viminale, con Decreto 28 ottobre 2016, pubblicato sul proprio sito istituzionale, ha

Entrate tributarie: primo trimestre in linea con il 2014 (-0,1%), in calo il gettito Iva a causa dell’avvio dello “split payment”

Con il Comunicato-stampa n. 101 del 5 maggio 2015, il Mef ha tracciato il quadro dell’andamento delle entrate tributarie del

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.