Offerta economicamente più vantaggiosa: le opere aggiuntive non possono essere oggetto di valutazione

Offerta economicamente più vantaggiosa: le opere aggiuntive non possono essere oggetto di valutazione

Nella Delibera n. 1049 del 13 novembre 2019 dell’Anac, la questione controversa riguarda una procedura aperta per l’affidamento di lavori per il recupero edilizio e funzionale di alcuni edifici comunali. In particolare, il profilo di doglianza sollevato dalla parte istante riguarda la presunta illegittimità del criterio di valutazione dell’offerta tecnica laddove prevede, quale elemento qualitativo, la prestazione di opere aggiuntive rispetto a quanto previsto nel Progetto a base d’asta.

L’Autorità richiama quanto previsto all’art. 95, comma 14-bis, del Dlgs. n. 50/2016 in base al quale in caso di appalti aggiudicati con il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa, le stazioni appaltanti non possono attribuire alcun punteggio per l’offerta di opere aggiuntive rispetto al Progetto esecutivo previsto a base d’asta. Dunque, l’Anac chiarisce che non è conforme l’operato della stazione appaltante che inserisca nella lex specialis la previsione di criteri premianti all’offerta tecnica che presenti prestazioni aggiuntive rispetto al Progetto esecutivo posto a base di gara.


Related Articles

Buon Natale dalla Redazione di Entilocali-online.it

Centro Studi Enti Locali e la Redazione di Entilocali-online.it augurano a tutti i propri abbonati un sereno e felice Natale

Reclutamento del personale: adempimenti e presupposti

Nella Delibera n. 113 del 22 maggio 2019 della Corte dei conti Veneto, un Sindaco ha chiesto un parere inerente

Arconet: decisioni in merito a quesiti posti dalle Regioni su “Fcde” e su Servizio di “Tesoreria”

Nella riunione del 20 settembre 2017 la Commissione Arconet, tra i vari punti all’Ordine del giorno, ha trattato alcuni quesiti

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.