Passaggio cd. “regressivo” da Società di capitali ad Azienda speciale

Passaggio cd. “regressivo” da Società di capitali ad Azienda speciale

Nella Sentenza n. 3946 del 27 giugno 2018 del Consiglio di Stato, la questione controversa in esame riguarda la trasformazione di una Società partecipata in una Azienda speciale da parte di un Ente Locale. I Giudici rilevano che il passaggio cd. “regressivo” da Società di capitali ad Azienda speciale è legittimo, sia per la non tassatività delle fattispecie elencate nell’art. 2500-septies del Cc. (che, pur controversa in giurisprudenza, è però ritenuta da condivisibile dottrina, se non altro quando entrambi gli Enti si connotino per autonomia giuridica e patrimoniale e per regime giuridico, che consenta l’adeguata tutela dei creditori nella fase della trasformazione), sia per la compatibilità con le disposizioni pubblicistiche, che tendono ad uniformare il regime delle Società in “house” e delle Aziende speciali quanto al rispetto dei vincoli di finanza pubblica e di controllo da parte della Pubblica Amministrazione di riferimento.


Related Articles

Società “in house”: per la Corte di Appello di Firenze sono fallibili

La Corte di Appello di Firenze, Sezione I civile, con la Sentenza n. 811/2016 del 19 maggio 2016, ha respinto

Incarichi: non è possibile procedere all’affidamento se non è stato approvato il Piano della performance 

Corte dei conti Piemonte, Delibera n. 162 del 9 novembre 2015 Nella fattispecie in esame la Sezione afferma che l’adozione

“Fabbisogni standard”: nuovo aggiornamento della lista dei Comuni inadempienti alla compilazione dei Questionari Sose

Il Ministero dell’Interno – Direzione centrale della Finanza locale, con il Comunicato 10 luglio 2017 ha pubblicato un nuovo aggiornamento

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.