Passaggio cd. “regressivo” da Società di capitali ad Azienda speciale

Passaggio cd. “regressivo” da Società di capitali ad Azienda speciale

Nella Sentenza n. 3946 del 27 giugno 2018 del Consiglio di Stato, la questione controversa in esame riguarda la trasformazione di una Società partecipata in una Azienda speciale da parte di un Ente Locale. I Giudici rilevano che il passaggio cd. “regressivo” da Società di capitali ad Azienda speciale è legittimo, sia per la non tassatività delle fattispecie elencate nell’art. 2500-septies del Cc. (che, pur controversa in giurisprudenza, è però ritenuta da condivisibile dottrina, se non altro quando entrambi gli Enti si connotino per autonomia giuridica e patrimoniale e per regime giuridico, che consenta l’adeguata tutela dei creditori nella fase della trasformazione), sia per la compatibilità con le disposizioni pubblicistiche, che tendono ad uniformare il regime delle Società in “house” e delle Aziende speciali quanto al rispetto dei vincoli di finanza pubblica e di controllo da parte della Pubblica Amministrazione di riferimento.


Related Articles

Servizi pubblici: presupposti per procedere ad un legittimo affidamento “in house”

Nella Delibera n. 195 del 13 maggio 2015 della Corte dei conti Lombardia, la Sezione si esprime in merito alla

Tarsu: Palazzo Spada conferma la legittimità delle Delibere che prevedano tariffe più alte per gli alberghi rispetto alle abitazioni

  Nella Sentenza n. 2724 del 7 giugno 2017 del Consiglio di Stato, un’Associazione di albergatori, nella qualità di Organismo

Tarsu: illegittima la tariffa per camere d’albergo che non differenzia locali ad uso abitativo e non

  Nella Sentenza n. 1056 del 2 dicembre 2015 del Tar Emilia Romagna, i Giudici hanno osservato che l’art. 65,

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.