Passaggio cd. “regressivo” da Società di capitali ad Azienda speciale

Passaggio cd. “regressivo” da Società di capitali ad Azienda speciale

Nella Sentenza n. 3946 del 27 giugno 2018 del Consiglio di Stato, la questione controversa in esame riguarda la trasformazione di una Società partecipata in una Azienda speciale da parte di un Ente Locale. I Giudici rilevano che il passaggio cd. “regressivo” da Società di capitali ad Azienda speciale è legittimo, sia per la non tassatività delle fattispecie elencate nell’art. 2500-septies del Cc. (che, pur controversa in giurisprudenza, è però ritenuta da condivisibile dottrina, se non altro quando entrambi gli Enti si connotino per autonomia giuridica e patrimoniale e per regime giuridico, che consenta l’adeguata tutela dei creditori nella fase della trasformazione), sia per la compatibilità con le disposizioni pubblicistiche, che tendono ad uniformare il regime delle Società in “house” e delle Aziende speciali quanto al rispetto dei vincoli di finanza pubblica e di controllo da parte della Pubblica Amministrazione di riferimento.


Related Articles

“E-fattura”: l’Agenzia delle Entrate fornisce le “istruzioni per l’uso” in vista dei nuovi obblighi che saranno in vigore dal 2019

Per chi diventerà obbligatorio l’uso della fatturazione elettronica a partire dal 1° gennaio 2019 e chi invece è esonerato? Quali

Uffici giudiziari: dal 1˚ settembre 2015 non graveranno più sui bilanci dei Comuni

Il Consiglio dei Ministri, riunitosi il 3 luglio 2015 a Palazzo Chigi, ha approvato il Regolamento attuativo dell’art. 1, comma

Fabbisogno statale: nei primi 8 mesi del 2016 è stato inferiore di 2 miliardi rispetto a quello 2015

Nei primi 8 mesi dell’anno il fabbisogno statale italiano è stato pari a 30,1 miliardi di Euro, contro i 32

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.