Patto di stabilità: disponibile il prospetto per gli Enti che hanno beneficiato di esclusioni per le spese per calamità naturali

Patto di stabilità: disponibile il prospetto per gli Enti che hanno beneficiato di esclusioni per le spese per calamità naturali

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze – Dipartimento della Ragioneria generale dello Stato, ha diffuso il 5 agosto 2015 sul proprio sito web istituzionale il Prospetto per la comunicazione, da parte degli Enti Locali, del beneficio dell’esclusione dal Patto di stabilità interno delle spese per calamità naturali, da inviare al Dipartimento della Protezione civile, in applicazione dell’art. 31, comma 8, Legge n. 183/11.

Ricordiamo che tali comunicazioni, da inoltrare entro il 31 gennaio dell’anno successivo a quello di riferimento, devono riportare le spese escluse dal Patto di stabilità interno, ripartite nella parte corrente e nella parte capitale, e le relative risorse attribuite dallo Stato per permettere alla Protezione Civile di verificare la loro corrispondenza.

Il Dipartimento ha ricordato che eventuali ritardi o mancati invii dei Prospetti, “oltre a rappresentare una violazione ad una disposizione di legge, impedisc[ono] il perfezionamento dell’iter che consente allo stesso ente beneficiario di effettuare tali esclusioni”.

RGS – Allegato Protezione civile 2015


Related Articles

Sospensione dei termini dei procedimenti amministrativi: si applica anche alle procedure di appalto e concessione di cui al Dlgs. n. 50/2016

Con la Nota 23 marzo 2020, il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, a seguito delle richieste di alcune stazioni

Ici: l’Imposta è dimezzata se per l’intero anno l’immobile è inagibile, inabitabile o inutilizzato per mancanza di funzionalità

Nella Sentenza n. 13059 del 24 maggio 2017 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità si esprimono in materia

Durc: pubblicato il “Decreto Semplificazione” che definisce la nuova modalità di rilascio

E’ stato pubblicato sulla G.U. n. 125 del 1° giugno 2015 il Dm. 30 gennaio 2015 del Ministero del Lavoro