Peculato d’uso: poche telefonate dall’Ufficio comunale sono penalmente irrilevanti

Peculato d’uso: poche telefonate dall’Ufficio comunale sono penalmente irrilevanti

Con la Sentenza n. 8509 del 22 febbraio 2017,la Corte di Cassazione interviene sul caso del Ragioniere di un Comune che aveva effettuato telefonate private servendosi dell’apparecchio di servizio. La Suprema Corte rileva che l’uso del telefono d’ufficio per fini personali, economicamente e funzionalmente non significativo, deve considerarsi (anche al di fuori dei casi d’urgenza espressamente previsti dall’art. 10, comma 3, del Dm. 28 novembre 2000, o di eventuali specifiche e legittime autorizzazioni) penalmente irrilevante.

Pertanto, secondo i Giudici di legittimità, il Ragioniere in questione non ha commesso reato di peculato d’uso. La Suprema Corte precisa che integra il reato

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

“Smart cities”: al via il bando “Efisio, finanziare città intelligenti”

L’Anci ha annunciato, con la Nota 11 aprile 2014 pubblicata sul proprio sito istituzionale, la pubblicazione del bando per la

Messa in sicurezza delle scuole: in G.U. il Dpcm. sui poteri derogatori a Sindaci e Presidenti delle Province, ma il termine è già scaduto

  E’ stato pubblicato sulla G.U. n. 64 del 18 marzo 2014, con considerevole ritardo, il Dpcm. 22 gennaio 2014,

Riscossione: emanate le modalità procedurali per l’affidamento delle notifiche da e verso Stati membri Ue

È stato pubblicato nella G.U. n. 252 del 29 ottobre 2014 un Decreto Mef, recante “Modalità procedurali per l’affidamento all’Agente