Pil: nel secondo trimestre 2015 è salito dello 0,3%

Pil: nel secondo trimestre 2015 è salito dello 0,3%

Si conferma, anche nel secondo trimestre 2015 il moderato recupero dell’attività economica, con una crescita congiunturale del Pil dello 0,3%. La crescita è stata accompagnata da un miglioramento degli andamenti del mercato del lavoro, sia in termini congiunturali che su base annua: sono infatti aumentati sia l’input di lavoro impiegato sia l’occupazione e, in misura modesta, nella prima parte dell’anno è tornata a crescere anche la produttività. Il recupero dell’occupazione è proseguito anche a luglio, con una crescita annua dell’1,1% (+235.000 unità) e dello 0,3% nel periodo maggio–luglio, al netto della stagionalità.

A rivelarlo, con il Comunicato 15 settembre 2015, è l’Istat.

Dal punto di vista settoriale – si legge – nel secondo trimestre sono stati significativi, sia il recupero congiunturale dell’occupazione nei Comparti dei servizi più legati alla dinamica della domanda interna, sia i segnali positivi anche nelle costruzioni“.

Quanto all’occupazione la Nota precisa che l’aumento ha riguardato soprattutto i lavoratori dipendenti (a tempo sia indeterminato che determinato).

Dal lato delle Imprese, il maggiore utilizzo del lavoro è la sintesi di una crescita, sia delle posizioni lavorative, sia dell’intensità di utilizzo del lavoro: le ore lavorate pro-capite hanno registrato un netto incremento, mentre si è decisamente ridotto il ricorso alla Cassa integrazione. Segnali sulle prospettive della domanda provengono dall’intenso ricorso alle posizioni lavorative in somministrazione e da una lieve crescita dei posti vacanti su base annua. Sul versante delle retribuzioni – conclude l’Istat – l’aumento tendenziale delle retribuzioni di fatto è risultato ampiamente superiore all’inflazione: prosegue dunque il recupero del potere d’acquisto delle retribuzioni al lordo delle Imposte“.


Related Articles

Debito pubblico italiano: è più basso rispetto alle ultime previsioni economiche ma continua ad essere secondo solo a quello della Grecia

Il debito pubblico italiano nel 2017 si è attestato al 131,8% del Pil, contro il 132% dell’anno precedente e al

Notifica di un atto impositivo o processuale

Nella Sentenza n. 10012 del 15 aprile 2021 della Corte di Cassazione, la Suprema Corte chiarisce che, in materia di

Iva: sono esenti le attività di sostegno e assistenza alle donne vittime di violenza erogate dai Comuni mediante le “Case Rifugio”

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta all’Istanza di Interpello n. 112 del 16 febbraio 2021, ha fornito chiarimenti in ordine