Prestiti Enti territoriali: nuova proroga del termine per chiedere a Cassa DD.PP. rimborso anticipato o riduzione

Prestiti Enti territoriali: nuova proroga del termine per chiedere a Cassa DD.PP. rimborso anticipato o riduzione

 

Con un Comunicato pubblicato il 29 maggio 2015 sul proprio sito istituzionale, la Cassa Depositi e Prestiti Spa ha annunciato una nuova proroga dei termini entro i quali gli Enti Locali interessati possono aderire alle operazioni di rinegoziazione dei prestiti di cui alle Circolari nn. 1282 e 1283.

In particolare, è stato prorogato al 5 giugno 2015 il termine per l’adesione alle operazioni di rinegoziazione (che era stato fissato dal Comunicato 8 maggio 2015 della stessa Cassa DD.PP. al 1° giugno 2015), ed al 12 giugno 2015 il termine per la ricezione della relativa documentazione in originale, attualmente fissato al 5 giugno 2015.

La Cassa Depositi e Prestiti ha nuovamente enfatizzato il fatto che la prima scadenza, ora prorogata al 5 giugno 2015, costituisce solo il termine per la selezione dei prestiti oggetto di rinegoziazione e la fissazione delle condizioni finanziarie regolanti l’operazione, e non impegna, pertanto, gli Enti locali aderenti al perfezionamento dell’operazione stessa.

Questa sorta di “pre-adesione” dovrà infatti poi essere confermata con la trasmissione della documentazione richiesta, in originale, entro la scadenza prorogata, da quest’ultimo Pronunciamento, al 12 giugno 2015.


Related Articles

“Pcc”: una fattura pagata prima della scadenza indicata nella stessa ma dopo i 30 giorni dalla ricezione è da considerarsi “in ritardo”?

Il testo del quesito: “Con riferimento alla sistemazione delle fatture in ‘Pcc’, come ci si deve comportare per quelle delle

Imu: esclusa la possibilità di annullare in autotutela l’accertamento definitivo in mancanza di un interesse di rilevanza generale

Nell’Ordinanza n. 4933 del 20 febbraio 2019 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità hanno trattato l’argomento dell’annullamento in

Corte dei conti Toscana: richiesta informazioni su riaccertamento straordinario dei residui

La Corte dei conti – Sezione regionale di controllo per la Toscana, ha inviato a tutti i Comuni della Regione