Procedura “Docfa”: motivazione degli atti di classamento ed attribuzione di rendita catastale

Procedura “Docfa”: motivazione degli atti di classamento ed attribuzione di rendita catastale

Nella Sentenza n. 1 del 7 gennaio 2019 della Ctr Toscana, la questione controversa in esame riguarda la motivazione degli atti di classamento ed attribuzione di rendita catastale conseguenti alla Procedura “Docfa”. I Giudici toscani chiariscono che, qualora l’attribuzione della rendita catastale avvenga a seguito della procedura disciplinata dall’art. 2 del Dl. n. 16/93, convertito in Legge n. 75/93, e dal Dm. n. 701/94 (cd. Procedura “Docfa”), l’obbligo di motivazione dell’avviso di classamento è soddisfatto con la mera indicazione dei dati oggettivi e della classe attribuita solo se gli elementi di fatto indicati dal contribuente non siano stati disattesi dall’Ufficio e l’eventuale discrasia tra rendita proposta e rendita attribuita derivi da una valutazione tecnica sul valore economico dei beni classati. Dove, in caso contrario – e cioè nell’ipotesi in cui la discrasia non derivi dalla stima del bene ma dalla divergente valutazione degli elementi di fatto indicati dal contribuente – “la motivazione dovrà essere più approfondita e specificare le differenze riscontrate, sia per consentire il pieno esercizio del diritto di difesa del contribuente, sia per delimitare l’oggetto dell’eventuale contenzioso”. Dunque, in ipotesi di classamento di un fabbricato mediante la Procedura “Docfa”, l’atto con cui l’Amministrazione disattende le indicazioni date dal contribuente deve contenere un’adeguata ancorché sommaria motivazione che delimiti l’oggetto della successiva ed eventuale controversia giudiziaria. L’Ufficio non può limitarsi a comunicare il classamento che ritiene adeguato, ma deve anche fornire un qualche elemento che spieghi perché la proposta avanzata dal contribuente con la “Dofca” viene disattesa.


Related Articles

“Due per mille” ai Partiti politici: pubblicata la ripartizione del gettito per il periodo d’imposta 2014

Il Mef – Dipartimento delle Finanze, con Nota pubblicata sul proprio sito istituzionale il 13 gennaio 2016, rende disponibile la

Ici: terreni agricoli

Nell’Ordinanza n. 29192 del 6 dicembre 2017 della Corte di Cassazione, oggetto della controversia in esame sono alcuni avvisi di

Risparmi di spesa dati da pensionamenti: possibile usarli per incrementare l’orario di lavoro dei dipendenti part time

Nella Delibera n. 51 del 15 dicembre 2016 della Corte dei conti Basilicata, un Comune chiede se i risparmi di

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.