Processo tributario: la compensazione delle spese giudiziali deve essere motivata

Processo tributario: la compensazione delle spese giudiziali deve essere motivata

Nell’Ordinanza n. 9716 del 12 maggio 2016 della Corte di Cassazione, in materia di spese giudiziali, in particolare sulle “gravi ed eccezionali ragioni”, da indicarsi esplicitamente nella motivazione, la Suprema Corte ha affermato che il Giudice non può compensare, in tutto o in parte, le spese di giudizio senza far riferimento alle particolari e specifiche circostanze o aspetti della controversia.

I Giudici di legittimità hanno rilevato che, ai fini della compensazione, poiché nel provvedimento impugnato non sono stati fatti rilievi al fatto processuale controverso, la compensazione delle spese non è legittima.

Per tale motivo, la Corte di Cassazione ha annullato la Pronuncia del Giudice di merito con rimessione della lite, affinché si disponga in merito alla regolazione delle spese di lite ed alla loro liquidazione.


Related Articles

“Tia 1”: la giurisdizione sulle controversie è del Giudice tributario

Nella Ordinanza n. 26268 del 20 dicembre 2016 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità affermano che spettano alla

Mancato versamento nelle casse comunali dell’Imposta di soggiorno da parte di un albergatore: è danno erariale

Nella Sentenza n. 253 del 29 settembre 2016 della Corte dei conti Toscana, la controversia in esame riguarda un’ipotesi di

Equitalia: per garantire un adeguato diritto di difesa deve sempre preventivamente notificare al contribuente l’iscrizione ipotecaria

Nella Sentenza n. 1194/35/15 del 24 marzo 2015 della Ctr Palermo, i Giudici rilevano che anche nel regime antecedente l’entrata