Progressioni verticali riservate al personale di ruolo: i limiti dopo il Dlgs. n. 75/17

Progressioni verticali riservate al personale di ruolo: i limiti dopo il Dlgs. n. 75/17

Nella Delibera n. 42 del 23 marzo 2018 della Corte dei conti Puglia, un Comune ha chiesto un parere riguardante le progressioni tra aree riservate al personale di ruolo disciplinate dall’art. 22, comma 15, del Dlgs. n. 75/17. In particolare, con il primo quesito l’Ente ha chiesto se la percentuale del 20%, indicata dalla norma come limite massimo dei posti da coprire con procedure selettive riservate (interne) rispetto ai posti previsti nel “Piano dei fabbisogni” come nuove assunzioni consentite per la relativa area o categoria, debba considerarsi riferita alle “teste” (numero dei posti), ovvero possa essere

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

“Spoil system” dei Segretari comunali: è legittimo

Nella Sentenza n. 23 del 22 febbraio 2019 della Corte Costituzionale, viene sollevata questione di legittimità costituzionale dell’art. 99, commi

Polizia municipale: limiti alla mobilità per interscambio

La Corte dei conti Lombardia, con la Delibera n. 342 del 26 ottobre 2015, esamina la possibilità di effettuare un

Trasparenza amministrativa: il Provvedimento con le disposizioni sull’accesso civico ai documenti dell’Agenzia delle Entrate

Con il Provvedimento Prot. n. 280693/2020 del 4 agosto 2020, l’Agenzia delle Entrate ha diffuso le “Disposizioni in materia di