Progressioni verticali riservate al personale di ruolo: i limiti dopo il Dlgs. n. 75/17

Progressioni verticali riservate al personale di ruolo: i limiti dopo il Dlgs. n. 75/17

Nella Delibera n. 42 del 23 marzo 2018 della Corte dei conti Puglia, un Comune ha chiesto un parere riguardante le progressioni tra aree riservate al personale di ruolo disciplinate dall’art. 22, comma 15, del Dlgs. n. 75/17. In particolare, con il primo quesito l’Ente ha chiesto se la percentuale del 20%, indicata dalla norma come limite massimo dei posti da coprire con procedure selettive riservate (interne) rispetto ai posti previsti nel “Piano dei fabbisogni” come nuove assunzioni consentite per la relativa area o categoria, debba considerarsi riferita alle “teste” (numero dei posti), ovvero possa essere

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Tributi propri dell’Ente: definizione agevolata di quelli inadempiuti da parte dei contribuenti per i periodi di imposta antecedenti al 2015

Nella Delibera n. 143 del 20 maggio 2016 della Corte dei conti Campania, viene chiesto un quesito sulla possibilità di

Aggiudicazione appalto: il provvedimento di revoca è legittimo se ci sono nuovi fatti che rendono l’offerta antieconomica

Nella Sentenza n. 56 del 3 gennaio 2017 del Tar Campania, la questione controversa riguarda il ricorso proposto da una

Mobilità volontaria: legittima se lo scorrimento è risultato infruttuoso

Nella Sentenza n. 5230 del 13 dicembre 2016 del Consiglio di Stato, i Giudici si esprimono sullo scorrimento della graduatoria,