Razionalizzazione spesa per beni e servizi informatici: il punto della Corte Lombardia

Razionalizzazione spesa per beni e servizi informatici: il punto della Corte Lombardia

Nella Delibera n. 368 del 20 dicembre 2017 della Corte dei conti Lombardia, un Sindaco ha chiesto un parere in materia di razionalizzazione delle spese correnti per beni e servizi informatici. In particolare, viene chiesta la corretta interpretazione dell’art. 1, comma 515, della Legge n. 208/15, che stabilisce un obiettivo di risparmio, per il triennio 2016-2018, fissato al 50% della spesa annuale media, relativa al triennio 2013-2015, per la gestione corrente di tutto il Settore informatico, al netto dei canoni per servizi di connettività. Nello specifico, viene domandato se tale obiettivo debba essere conseguito, in modo consolidato, dal complesso delle

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Sistema unico di qualificazione degli esecutori di lavori pubblici: indicazioni interpretative aggiuntive a seguito del nuovo “Codice”

Con il Comunicato 3 agosto 2016, il Presidente dell’Anac si è espresso in merito alle problematiche sollevate da alcune Soa

Aggiudicazione appalto: il ricorso al Tar relativo alla legittimità del contratto di avvalimento non deve essere notificato all’impresa ausiliaria

Quando la partecipazione in gara di un’impresa che si è avvalsa dei requisiti di un’altra impresa ai fini della qualificazione

Arconet: Faq n. 46 del 18 febbraio 2021 – Patrimonio netto negativo nella Contabilità semplificata

Secondo quanto chiarito da Arconet nella Faq. n. 46 del 18 febbraio 2021, tutti gli Enti soggetti al Dlgs. n.