Recovery fund: Segretario Città metropolitana Napoli, “Fondamentale usare le risorse per rinnovare la P.A.”

Recovery fund: Segretario Città metropolitana Napoli, “Fondamentale usare le risorse per rinnovare la P.A.”

L’intervento di Antonio Meola, Segretario della Città metropolitana di Napoli, alla Tavola Rotonda organizzata da Centro Studi Enti Locali

Antonio Meola, Segretario della Città metropolitana di Napoli, ha messo l’accento – nel corso del suo intervento alla Tavola Rotonda organizzata da Centro Studi Enti Locali sul tema Next Generation EU e finanza locale – su alcune peculiarità della Città partenopea: seconda per densità abitativa in Europea, possiede uno dei più alti avanzi di amministrazione in Italia, con circa 500 milioni di Euro che sta spendendo per i 92 Comuni ed oltre 3 milioni di cittadini dell’area metropolitana per investimenti sulle coste, sulla viabilità e sul potenziamento dell’edilizia scolastica.  

Il Recovery Fund, ci ricorda il Segretario, prevede 4 linee di attività molto importanti per gli Enti Locali, ovvero il miglioramento dell’efficienza energetica degli edifici pubblici e privati, la promozione delle tecnologie pulite per accelerare l’utilizzo di trasporti sostenibili, il rapido dispiegamento dei servizi a banda larga e, infine, la digitalizzazione della P.A. e dei servizi pubblici.  

Secondo Antonio Meola, i 290 miliardi della Next Generation Eu (di cui il 70% sarà spendibile fra il 2021 ed il 2022) saranno certamente utili per un riassetto ed un ringiovanimento della P.A. nel suo insieme, partendo dal dato oggettivo della necessità di assumere giovani con solide competenze digitali che vadano a rinnovare gli organici degli enti pubblici italiani.  


Una grande sfida di rinnovamento della P.A. attende dunque – secondo il Segretario della Città metropolitana – i giovani italiani: bisogna uscire dall’ottica della burocrazia “difensiva” e allinearsi alle esperienze europee più virtuose. 


Related Articles

“Anpr”: il Viminale invia alle Prefetture la lista dei 715 Comuni inadempienti chiedendo di monitorare lo stato di avanzamento

Con la Circolare n. 1 del 27 gennaio 2021, pubblicata sul proprio sito istituzionale e contrassegnata come urgente, il Ministero

Opere pubbliche incompiute: entro il 31 marzo 2016 le stazioni appaltanti devono aggiornare gli elenchi-anagrafe

Entro il 31 marzo 2016, tutte le stazioni appaltanti devono aggiornare gli elenchi anagrafici delle opere incompiute. A ricordarlo è

Mutui Enti Locali: determinazione del costo globale annuo massimo

E’ stato pubblicato sulla G.U. n. 6 dell’8 gennaio 2019 il Decreto 28 dicembre 2018 del Ministero dell’Economia e delle

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.