Rendiconto economico dello Stato: l’esercizio 2014 si è chiuso con un ulteriore peggioramento dei saldi

Rendiconto economico dello Stato: l’esercizio 2014 si è chiuso con un ulteriore peggioramento dei saldi

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze – Dipartimento della Ragioneria generale dello Stato, ha diffuso il 31 agosto 2015 sul proprio sito web istituzionale il Rendiconto economico dello Stato per l’anno 2014.

Nel Comunicato diramato a margine il Ministero ha evidenziato come nel corso del 2014 il contesto macroeconomico si sia deteriorato notevolmente rispetto a quanto era stato previsto l’anno precedente. “Se il Def di aprile 2013 stimava per l’economia italiana un tasso di crescita reale dell’1,3% (e nominale del 3,2%) nel 2014, quello di aprile 2015 ha dovuto prendere atto di risultati ben diversi: –0,4% di crescita reale e +0,4% di crescita nominale. La Nota di aggiornamento del Def 2014 ha attribuito il peggioramento del quadro a diversi fattori, tra cui quello quantitativamente più rilevante risulta essere l’evoluzione negativa del quadro internazionale e – in particolare – un contributo della domanda estera alla crescita italiana decisamente più debole. Questi fattori, sommati alla rapida discesa dei prezzi delle materie prime iniziata a metà del 2014, hanno contribuito a creare pressioni deflazionistiche piuttosto marcate, che rendono particolarmente difficoltoso il raggiungimento degli obiettivi programmatici”.

La Nota spiega che, per contrastare queste tendenze, il Governo ha fatto ricorso ai margini di flessibilità a disposizione, aggiornando gli obiettivi di finanza pubblica fissati dalla “Legge di stabilità per 2014” e mettendo in campo così alcune “misure di stimolo” come il famoso “Bonus di 80 Euro” introdotto dal Dl. n. 66/14 (“Decreto Irpef”) o le risorse stanziate per favorire il saldo dei debiti delle P.A.

Di conseguenza – si legge – la gestione dell’esercizio finanziario 2014 si è chiusa, come previsto, con un ulteriore peggioramento dei saldi rispetto agli esercizi precedenti”.


Related Articles

Violazione anonimato nei concorsi pubblici: l’annullamento scatta solo in presenza di palesi anomalie

Nella Sentenza n. 3413 del 13 marzo 2017 del Tar Lazio, i Giudici si esprimono sulle regole dell’anonimato nelle prove

Concorso: illegittimo il bando che richieda titoli di accesso ultronei rispetto al posto da ricoprire

Nella Sentenza n. 6972 del 14 ottobre 2019 del Consiglio di Stato, la questione controversa concerneva il ricorso presentato da

Garage: per la Cassazione sono soggetti alla Tarsu

Nella Sentenza n. 4961 del 2 marzo 2018 della Corte di Cassazione, venivano impugnati alcuni avvisi di accertamento emessi da