Requisiti di partecipazione e valutazione dell’offerta tecnica: ampia discrezionalità della Stazione appaltante

Nella Delibera n. 25 del 13 gennaio 2021, viene chiesto all’Anac di esprimersi in ordine alla legittimità delle clausole della lex specialis inerenti alla richiesta di alcuni requisiti di partecipazione e all’attribuzione di punteggi a specifiche certificazioni ritenendole limitative della concorrenza e in violazione dei principi di favor partecipationis, ragionevolezza e proporzionalità. L’Autorità afferma che la Stazione appaltante, nel definire i requisiti tecnici e professionali dei concorrenti, vanta un margine di discrezionalità tale da consentirgli di fissare requisiti di partecipazione alla gara anche molto rigorosi e superiori a quelli previsti dalla legge purché non siano discriminanti e abnormi rispetto

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.