Requisito regolarità contributiva: Palazzo Spada ribadisce il “no” alle regolarizzazioni postume della posizione previdenziale

Requisito regolarità contributiva: Palazzo Spada ribadisce il “no” alle regolarizzazioni postume della posizione previdenziale

Nella Sentenza n. 4349 del 15 settembre 2017 del Consiglio di Stato, la questione controversa in esame riguarda un Raggruppamento temporaneo che era stato escluso dall’Amministrazione aggiudicatrice da una gara perché la mandante non era risultata in regola con gli obblighi contributivi, in violazione dell’art. 38, comma 1, lett. i) del Dlgs. n. 163/06.

I Giudici chiariscono che la regolarità contributiva deve sussistere dalla presentazione dell’offerta e deve permanere per tutta la durata della procedura di aggiudicazione e del rapporto con la stazione appaltante, restando irrilevante un eventuale adempimento tardivo dell’obbligazione contributiva. Tale principio non è stato inciso dall’art. 31, comma 8, del Dl. n. 69/13, in quanto anche dopo l’entrata in vigore di tale disposizione non sono consentite regolarizzazioni postume della posizione previdenziale, dovendo l’impresa essere in regola con l’assolvimento degli obblighi previdenziali ed assistenziali fin dalla presentazione dell’offerta e conservare tale stato per tutta la durata della procedura di aggiudicazione e del rapporto con la stazione appaltante, restando dunque irrilevante un eventuale adempimento tardivo dell’obbligazione contributiva. Dunque, in conclusione, dalla presentazione dell’offerta e per tutta la durata del rapporto deve esistere sempre la regolarità contributiva.

 


Related Articles

Cauzione provvisoria: legittima l’esclusione dalla gara se l’intermediario finanziario non è abilitato per appalti pubblici

Nel Parere n. 183 del 28 ottobre 2015, l’Anac prende in esame il caso di una Società cooperativa che contesta

Trasferimenti erariali: novità in materia di “Fondo europeo per rifugiati”, rese note graduatorie e nuovi Avvisi

Sono stati pubblicati, sul sito web istituzionale del Ministero dell’Interno, 2 Comunicati-stampa datati 30 aprile 2014, relativi al “Fondo europeo

Tarsu: il Comune può prevedere una tariffa specifica per le abitazioni civili in cui si svolge anche un’attività professionale

Nell’Ordinanza n. 21234 del 13 settembre 2017 della Corte di Cassazione, la questione controversa riguarda il caso delle abitazioni civili