Revisione pianta organica Farmacie: la competenza è della Giunta comunale

Revisione pianta organica Farmacie: la competenza è della Giunta comunale

Nella Sentenza n. 652 del 14 febbraio 2017 del Consiglio di Stato, i Giudici si esprimono sulla qualificazione del provvedimento di revisione della pianta organica delle Farmacie. Nello specifico, i Giudici chiariscono che il provvedimento di revisione della pianta organica si qualifica come atto generale di pianificazione, funzionale al miglior assetto delle Farmacie sul territorio comunale, al fine di garantire l’accessibilità dei cittadini al servizio farmaceutico.

Trattandosi di un atto di pianificazione, quindi programmatorio, finalizzato alla tutela dell’interesse pubblico alla corretta disciplina del “Servizio farmaceutico”, non sono configurabili posizioni di controinteresse in capo ai titolari delle sedi farmaceutiche esistenti nel territorio comunale.

La competenza sulla revisione delle piante organiche delle Farmacie spetta al Comune, ed in particolare alla Giunta comunale, e non alla Regione. Il provvedimento di revisione della pianta organica costituisce atto vincolato exart. 11, comma 1, del Dl. n. 1/12, convertito in Legge n. 27/12, e deve essere eseguito nell’anno pari sulla base della popolazione residente nel Comune risultante nell’anno dispari che lo precede.


Related Articles

Appalti: il punto di Palazzo Spada sul contratto di avvalimento

Nella Sentenza n. 23 del 4 novembre 2016, il Consiglio di Stato si esprime sul contratto di avvalimento nelle gare

Verifica anomalia: non può essere effettuata attraverso la comparazione con altre offerte

Nella Sentenza n. 2843 dell’8 aprile 2021 del Consiglio di Stato, i Giudici affermano che la verifica di congruità di

Acquisto di una licenza d’uso da parte di un’impresa da fornitore estero: indicazioni sull’emissione di nota di credito in caso di risoluzione

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta n. 308 del 30 aprile 2021, ha fornito chiarimenti in ordine all’emissione di note