Revisori: per il Consiglio di Stato massimo 3 incarichi presso lo stesso Ente anche se non consecutivi

Revisori: per il Consiglio di Stato massimo 3 incarichi presso lo stesso Ente anche se non consecutivi

Nella Sentenza n. 5976 del 3 dicembre 2014, il Consiglio di Stato osserva che il tenore letterale della disposizione contenuta nell’art. 235, comma 1 del Dlgs. n. 267/00, secondo cui “l’Organo di revisione contabile dura in carica 3 anni a decorrere dalla data di esecutività della Delibera o dalla data di immediata eseguibilità nell’ipotesi di cui all’art. 134, comma 3, e sono rieleggibili per una sola volta”, esclude di per sé lo svolgimento dell’incarico di Revisore dei conti presso un Ente Locale per una terza volta, indipendentemente dal fatto che gli incarichi stessi siano o meno consecutivi. I Giudici rilevano che la ratio della predetta disposizione è rinvenibile nella non irragionevole esigenza di favorire e garantire il ricambio dei soggetti chiamati a svolgere le delicate funzioni attribuite all’Organo di revisione contabile, in aderenza ai principi di trasparenza e buon andamento predicati dall’art. 97 della Costituzione, rispetto ai quali non trova diverso positivo fondamento l’opzione ermeneutica propugnata dai primi Giudici, secondo cui l’interpretazione letterale e restrittiva del ricordato art. 235, comma 1, del Dlgs. n. 267/00 darebbe luogo a un’inammissibile e irrazionale forma di ineleggibilità a carattere perpetuo che inciderebbe sulla stessa sfera lavorativa dei soggetti interessati allo svolgimento dell’incarico, tanto più che detta limitazione riguarda soltanto gli incarichi svolti presso lo stesso Ente. La stessa nuova formulazione dell’art. 235, comma 1, del Dlgs. n. 267/00, nel testo introdotto dall’art. 19, comma 1-bis, lett. a), del Dl. n. 66/14, convertito con modificazioni dalla Legge n. 89/14, secondo cui l’incarico de quo non può essere svolto per più di 2 volte nello stesso Ente, suffraga la fondatezza dell’appello, giacché, sebbene non applicabile ratione temporis alla fattispecie in esame, ben può essere considerata di natura latu sensu interpretativa o quanto meno chiarificatrice della ratio della norma, come sopra delineata.


Tags assigned to this article:
Consiglio di StatoincarichilimitiRevisori

Related Articles

Imu: la tassazione dei terreni ad utilizzo silvo-pastorale

Nell’Ordinanza n. 7140 del 13 marzo 2019 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità chiariscono che i Regolamenti comunali

Trasferimenti erariali: disposto il saldo 2014 degli oneri di stabilizzazione per il personale ex Eti

Il Ministero dell’Interno – Direzione centrale per la Finanza locale, con il Comunicato 22 ottobre 2014 ha reso noto di

Note di addebito emesse dalle Associazioni: la motivazione della non rilevanza Iva sta nella corretta indicazione della norma?

Il quesito: “Abbiamo un dubbio su come correttamente collocare a bilancio i versamenti che effettuiamo a favore di alcuni soggetti