Rifiuto di annullare in autotutela l’accertamento divenuto definitivo

Rifiuto di annullare in autotutela l’accertamento divenuto definitivo

La Suprema Corte, con la Sentenza n. 25524 del 2 dicembre 2014, afferma che il contribuente che richiede all’Amministrazione finanziaria di ritirare, in via di autotutela, un avviso di accertamento divenuto definitivo, non può limitarsi a dedurre eventuali vizi dell’atto medesimo, la cui deduzione deve ritenersi definitivamente preclusa, ma deve prospettare l’esistenza di un interesse di rilevanza generale dell’Amministrazione alla rimozione dell’atto. Ne consegue che contro il diniego dell’Amministrazione di procedere all’esercizio del potere di autotutela si può proporre impugnazione soltanto per dedurre eventuali profili di illegittimità del rifiuto e non per contestare la fondatezza della pretesa tributaria. Nel caso in esame, una Spa ricorre per Cassazione perché si è vista negare, prima dall’Ufficio e poi dai Giudici tributari, lo sgravio in autotutela delle somme portate da una cartella di pagamento preceduta da avvisi bonari d’irregolarità. I Giudici di legittimità statuiscono che il rifiuto di annullare in autotutela l’accertamento divenuto definitivo per mancanza d’impugnazione è legittimo anche quando l’Ufficio ha commesso un errore.


Tags assigned to this article:
annullamentoautotutela

Related Articles

Unioni di Comuni: facoltà assunzionali calcolate sul turnover e non sulla sostenibilità finanziaria

Nella Delibera n. 4 del 13 aprile 2021 della Corte dei conti Autonomie, la questione rimessa alla Sezione Autonomie riguarda

Ici/Imu: agevolazioni per la “prima casa”

Nella Sentenza 1443 dell’11 marzo 2021 della Ctr Lazio, i Giudici affermano che per conservare i benefici fiscali sulla “prima

Giurisdizione ordinaria per la legittimità delle sanzioni pecuniarie per il lavoro irregolare

Nella Sentenza n. 52 dell’8 gennaio 2021 della Ctr Sicilia, i Giudici affermano che sono devolute alla giurisdizione dell’Autorità giudiziaria