Una riforma condotta nel modo peggiore possibile: quella delle Province

Una riforma condotta nel modo peggiore possibile: quella delle Province

Hanno risorse limitate ma compiti importanti: devono garantire la sicurezza di 5.179 edifici che ospitano 3.226 Scuole superiori (il 70% non ha certificazioni antincendio, il 41,2% è in zona a rischio sismico, il 9,8% a rischio idrogeologico) frequentate da 2,6 milioni di ragazzi. Hanno la responsabilità della manutenzione di 130.000 chilometri di strade e 30.000 tra ponti, viadotti e gallerie. Si devono occupare di difesa del territorio e tutela dell’ambiente. Sono le 107 ex Province riordinate nel 2014 da una Legge, la n. 56 (la cosiddetta ‘Riforma Delrio’), che ha profondamente modificato la gestione strategica del territorio nazionale.

A

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Appalti e lavori pubblici: il “sottosoglia” dopo la conversione del “Decreto Semplificazioni”

L’attesa Legge di conversione del “Decreto Semplificazioni” è diventata realtà con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale della Legge n. 120/2020:

Decreto “Rilancio”: analisi dei principali effetti delle disposizioni di impatto sulla gestione e riscossione delle entrate

Il Dl. n. 34/2020, rubricato “Misure urgenti in materia di salute, sostegno al lavoro e all’economia, nonché di politiche sociali

Enti Locali: all’esame della Camera la Proposta di legge di modifica del Tuel

In questi giorni è all’esame della Camera dei Deputati una Proposta di legge volta ad inserire importanti modifiche, sia al

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.