“Riforma Madia”: il nuovo “Cad” dopo le modifiche del Dlgs. n. 179/06

“Riforma Madia”: il nuovo “Cad” dopo le modifiche del Dlgs. n. 179/06

Il 13 settembre 2016 è stato pubblicato in G.U. il Dlgs. n. 179 del 26 agosto 2016, recante modiche al “Codice dell’Amministrazione digitale” – Cad (Dlgs. n. 82/05). Le modifiche al testo si sono rese necessarie per 2 ordini di motivi: l’entrata in vigore il 1° luglio 2016 del Regolamento europeo Ue n. 910/2014 (“Eidas” – “Electronic IDentification Authentication and Signature”) e l’art. 1 del Dlgs. n. 124/15 (“Decreto Madia”) con il quale si delega il Governo ad aggiornare il “Cad” al fine di stimolare le Pubbliche Amministrazioni nel

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

“Fondo accessorio”: gli effetti delle nuove progressioni non cambiano l’entità delle risorse disponibili nelle P.A.

La Ragioneria generale dello Stato, con la Circolare n. 30/17, ha fornito istruzioni operative in materia di fondi per la

Verde urbano: la superficie a disposizione degli abitanti del nord-est è doppia rispetto a quella di centro e isole

Ogni cittadino italiano dispone mediamente di 31,1 metri quadrati di verde urbano. Le città in assoluto più ricche di spazi

Comparto Regioni ed Autonomie locali: integrato l’Accordo sulla garanzia del funzionamento dei “servizi pubblici essenziali”

Con la Delibera 21 marzo 2016, pubblicata sulla G.U. n. 85 del 12 aprile 2016, la Commissione di garanzia dell’attuazione