“Riforma Pubblico Impiego”: la responsabilità disciplinare nel Dlgs. n. 75/17

“Riforma Pubblico Impiego”: la responsabilità disciplinare nel Dlgs. n. 75/17
  1. Premessa

La responsabilità disciplinare è una delle tematiche più complesse del Pubblico Impiego, come dimostrato dai continui interventi del Legislatore, talvolta determinati da casi di comportamenti gravemente scorretti da parte di alcuni dipendenti pubblici, stigmatizzati dagli organi di stampa e dalla pubblica opinione e percepiti come intollerabili dagli utenti della Pubblica Amministrazione.

Anche la “Riforma Madia” è intervenuta sulla materia: il Dlgs. 25 maggio 2017, n. 75, emanato in attuazione della Legge-delega 7 agosto 2015, n. 124[1], contiene un Capo (il numero VII), costituito di 5 articoli (dal 12 al 17), che modificano le disposizioni del

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Iva: un chiarimento sui termini di fatturazione per le cessioni di beni con prezzo da determinare al momento di effettuazione dell’operazione

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta all’Istanza di Interpello n. 239 del 3 agosto 2020, ha fornito chiarimenti in ordine

Ufficio unico per il digitale e nomina del Responsabile: entro il 31 dicembre la presentazione del documento

Dal 1° dicembre 2017 è stato predisposto in IPA (“Indice Pubbliche Amministrazioni”), all’interno dell’anagrafica dell’Ente, il campo dedicato all’Ufficio per

Dichiarazione precompilata 2020: già consultabili i Modelli, dal 14 maggio possibili gli invii, le integrazioni e le modifiche

Dal 5 maggio 2020 sono ufficialmente disponibili per la consultazione le Dichiarazioni dei redditi precompilate 2020. Ad annunciarlo è l’Agenzia